Nailbiter Vol. 5 – Legame di Sangue | Recensione

0
Penultimo volume della saga di Joshua Williamson e Mike Henderson dedicata alla città americana dei serial killer.

La città di Buckaroo, nell’Oregon, è la patria di molti serial killer (anzi troppi), tanto da destare l’attenzione di persone che vogliono fare luce, una volta per tutte, sui delitti commessi nel territorio, e sulle origini di questi atti sanguinosi. Sì, perché a collegare la nascita di così tanti serial killer all’interno dello stesso ambiente ci potrebbe essere un piano, qualcosa di più grande e..spaventoso.

Nel frattempo Alice è braccata dal killer più temibile di Buckaroo, mentre il mangiaunghie Edward Warren vuole rivelare un segreto: l’identità di sua figlia. Nel frattempo lo sceriffo Crane sta continuando a portare avanti le ricerche sul nuovo serial killer di Buckaroo, dietro al quale si nasconde un piano che potrebbe essere la svolta dell’intera storia: il progetto White Chapel.

Dopo che nel precedente volume gli orizzonti della narrazione si erano spostati su altri ambienti (come la grande Atlanta), in “Legame di Sangue” tutto il filone narrativo ritorna all’interno della piccola Buckaroo. Siamo veramente vicini alla svolta che farà arrivare tutti i nodi al pettine, e questo volume porterà già delle rivelazioni importanti: una fra tutte la scoperta dell’identità della figlia del mangiaunghie.

Nailbiter è una serie a fumetti che, omaggiando il filone degli slasher-movie, riesce ad allontanarsi dal semplice citazionismo, e dalle classiche storie post-moderne, che non hanno delle basi narrative solide su cui poggiarsi. in Nailbiter  Joshua Williamson e Mike Handerson riescono a portare avanti un fumetto che intriga sempre di più, e che riesce a tenere alta l’attenzione del lettore.

Spesso le serie Image Comics hanno fatto leva su una dilatazione della narrazione che è risultata alla lunga (ma anche sul breve) deleteria. In Nailbiter invece il ritmo della storia è sempre andato avanti in maniera serrata, inframmezzato da vari twist, che hanno sempre più alzato l’asticella della sorpresa, e l’attenzione del lettore.

Di questo va dato merito allo sceneggiatore Joshua Williamson, ma anche allo stesso co-creatore Mike Henderson, che con i suoi disegni (a volte al limite del cartoonesco) ha saputo dare vivacità ed un po’ di leggerezza anche alle scene più dure e violente (alle quali hanno contribuito anche i colori di Adam Guzowsky). Questa combinazione ha permesso al fumetto di non virare troppo sulla violenza e sullo splatter, ma anche su atmosfere più action e avventurose. Anche se, c’è da sottolineare, l’alone di mistero la fa sempre da padrone.

“Legame di Sangue” è il quinto e penultimo volume della serie Nailbiter, un punto di svolta della storia che fa chiarezza su gran parte di ciò che è accaduto nei precedenti volumi. Gli amanti dell’horror, dello slasher, e di quelle storie misteriose ambientate nella sempre stimolante provincia americana, possono trovare con Nailbiter pane per i loro denti. Una lettura veramente gradevole, capace d’intrattenere al meglio, e su alti livelli narrativi.

Ora che i nodi stanno arrivando al pettine c’è solo da auspicarsi che il finale concepito da Joshua Williamson e da Mike Henderson sia all’altezza della cavalcata offerta nei volumi precedenti. Perché Buckaroo è la classica provincia americana capace di nascondere il male più profondo all’interno di graziose villette a schiera, e facce amichevoli con sorrisi cordiali. L’orrorifico nascosto nell’apparente normalità è sempre garanzia di grandi storie. E Nailbiter è una di queste.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui