MARVEL’S AGENTS OF SHIELD Stagione 3 [Recensione]

Pubblicato il 30 Maggio 2016 alle 15:25

In questa terza stagione la squadra di Coulson si ritroverà a dover gestire il crescente problema dei super umani e delle misteriose figure che vogliono sfruttare questa nuova razza per i propri scopi. Tra vecchie conoscenze e nuovi nemici, lo SHIELD scoprirà le origini del’Hydra e della misteriosa entità primordiale tornata sulla Terra per dar vita a una nuova era di Inumani.

Ne è passata di acqua sotto i ponti (e di cinefumetti al cinema) dal primo episodio della prima stagione di Agents of SHIELD a oggi.

La serie, partita come costola del Marvel Cinematic Universe e succube di quello che il mondo cinematografico imbastiva film dopo film, non ha mai brillato per ascolti o riscontri di pubblico.

Se per la prima stagione il motivo era ovvio vista la svogliatezza e la povertà di idee presenti in ogni singolo episodio destinati il più delle volte alla risata o alla strizzatina d’occhio, era difficile crederlo per la seconda stagione quando la serie ha cominciato a muovere i primi passi come franchise adulto e indipendente con un taglio ben definito (spionistico) e l’introduzione di elementi inediti nell’universo marveliano (gli Inumani).

agents-of-shield-logo

Giunti però a questa terza stagione risulta difficile capire i motivi per cui il pubblico continui a non premiare (con rating e ascolti) questo show, questo sapiente adattamento dell’universo cartaceo che, libero finalmente del cordone ombelicale che lo legava alle invadenti influenze filmiche, ha raggiunto un livello di dramma e spettacolarità molto alto rispetto al panorama supereroistico in circolazione (prodotti Netflix esclusi) con una trama verticale ben costruita ricca di colpi di scena e di azione, con qualche scivolone qua e là ma in definitiva fonte di grande intrattenimento.

Insomma, un prodotto degno di portare il marchio Marvel Studios sul piccolo schermo.

LA MISSIONE

Il nostro non è più un mondo di spie, né un mondo di eroi. Questa è l’era dei miracoli.

Con questa frase il barone Von Strucker introduceva i gemelli Pietro e Wanda Maximoff nella famosa scena dopo i titoli di coda di CAPTAIN AMERICA – THE WINTER SOLDIER, una frase che potrebbe fare anche da perfetta tagline alla terza stagione di Agents of SHIELD.

Abbiamo visto il team di Coulson affrontare sfide degne di Ethan Hunt, li abbiamo visti in missioni segrete, abbiamo visto i gadget hi-tech, gli intrighi, i doppi giochi, li abbiamo visti affrontare agenzie rivali come l’Hydra o come il “vero” SHIELD di Robert Gonzales.

Poi li abbiamo visti in sfide più “super”, affrontare individui con poteri speciali (come Crusher Creel o Calvin Zabo), alieni e perfino asgardiani. In fine li abbiamo visti sventare i piani utopici di Jiaying e gestire il neonato problema degli inumani.
Ora però è il tempo dei miracoli.

Ora che i cristalli terrigeni sono stati dispersi in fondo all’oceano facendo risvegliare il gene inumano latente in alcuni individui sparsi per il mondo, la squadra di Coulson si ritrova a dover affrontare la nascita di una nuova razza.

Una razza che provoca caos e preoccupazione tanto da spingere il governo degli Stati Uniti ad affidare il problema al ATCU (Advanced Threat Containment Unit), un organizzazione militare che entrerà inevitabilmente in conflitto con lo SHIELD.

agents-of-shield-hinumans

La prima parte della stagione si divide tra questi due mondi: quello delle spie e quello degli inumani ma lo fa in modo coscienzioso e ben strutturato.

Gli episodi sono un agglomerato di azione e tensione, il tempo per le ristate è scaduto da tempo (dalla prima stagione direi), ora con l’avvento degli inumani e l’ombra degli imminenti “Accordi di Sokovia” che incombe per tutta la durata della stagione, giunge il momento per i nostri protagonisti di affrontare problemi più grandi, anche interne alla squadra stessa.

Dovendo convivere con alcuni “esemplari” di questa nuova razza (Daisy e Lincoln, ma nel corso della stagione se ne aggiungeranno altri, anche qualche volto per chi ha letto la serie SECRET WARRIORS) era inevitabile il confronto, anzi, lo scontro tra alcuni componenti del team.

I problemi però arrivano anche dall’esterno a causa di questa nuova agenzia rivale l’ATCU, un’organizzazione segreta come lo SHIELD ma con metodi risolutivi come l’Hydra.

L’ambiguità di questa forza militare è uno dei punti forti della prima parte di stagione: non sono i buoni ma non sono nemmeno i cattivi, sono solo un nuovo punto di vista, una sfumatura che lo SHIELD non è mai riuscita a raggiungere a causa (o per merito) dell’umanità e dei legami consolidati all’interno del team.

I primi dieci episodi proseguono lisci come l’olio tra missioni segrete, inganni e colpi di scena, ma è dopo il midseason che gli showrunner Jed Whedon e Maurissa Tancharoen decidono di spingersi un tantino oltre stravolgendo completamente le carte in tavola.

agents-of-shield-fallen-agent

Amici che diventano nemici, vecchie conoscenze che ritornano in nuove vesti, legami che si solidificano e altre che si spezzano, attori che interpretano nuovi ruoli.

Dopo il grandissimo finale dell’episodio “Maveth” e dopo la lunga pausa invernale (in cui, negli USA, è stata trasmessa la serie gemella AGENT CARTER da pochi giorni cancellata ufficialmente) Marvel’s Agents of SHIELD torna armata fino ai denti e facendo la voce grossa.

Se già prima la tensione era alta ora si ritrova (letteralmente) alle stelle. Non si risparmia nessuno, non ci sono momenti morti, niente episodi filler, è tutto un continuo di rivelazioni e di scelte difficili da parte dei protagonisti con qualche episodio dedicato ai singoli personaggi.

Le due trame portanti collidono in un’unica grande missione incanalando l’attenzione del team Coulson verso un nemico (o meglio, nemici) che non riusciranno a capire appieno.

Villain che passeranno continuamente il testimone a nuovi villain in un crescendo di potere e paura che si concluderà con una quadrilogia di episodi denominata dalla stessa Marvel “Fallen Agent” in cui, come da tradizione per show di questo genere, uno dei protagonisti troverà la propria fine.

Continua a leggere, gira pagina

Articoli Correlati

Ultima delle serie di Destiny of X ad essere presentata, X-Force continua la sua corsa con Benjamin Percy ai testi, affiancato...

12/01/2022 •

14:17

L’incremento esponenziale dei casi di variante Omicron del Coronavirus ha spinto i vertici di LucasFilm a fermare la produzione...

12/01/2022 •

13:16

Tra le serie mutanti entrate nel nuovo corso Destiny of X, New Mutants è quella da cui ci si aspettava meno sorprese, dato che...

12/01/2022 •

11:42