Lo Stupefacente Ant-Man: un’eccellente serie Marvel di Nick Spencer [Recensione]

Pubblicato il 21 Maggio 2016 alle 11:25

L’Universo Marvel è tornato e Scott Lang è ancora tra noi! E la sua vita è migliorata? Niente affatto e lo scoprirete nella sua nuova serie scritta da uno degli autori più interessanti della Casa delle Idee, Nick Spencer!

L’operazione All New All Different Marvel non è dedicata solo ai personaggi più noti come i Vendicatori o l’Uomo Ragno ma anche su altri per molto tempo considerati minori, pur non essendo meno intriganti dei cosiddetti grossi calibri.

Tra essi va segnalato Ant-Man, alias Scott Lang, il minuscolo supereroe apparso spesso in svariati comic-book della Casa delle Idee.

Compra Lo stupefacente ant-man 1 variant con sconto

Scott è il secondo giustiziere con questo nome. Il primo fu Henry Pym, storico membro fondatore dei Vendicatori, apparso insieme alla bella Wasp in Tales to Astonish e nelle svariate collane degli Avengers.

Scott fu creato negli anni ottanta da David Michelinie e John Byrne ed era un uomo che per mantenere la moglie e la figlia si impossessava del costume di Ant-Man e commetteva alcuni furti. Pym riusciva a fermarlo ma, dopo aver compreso la sua difficile situazione, decideva di dargli una mano.

Il character era dunque, sin dal principio, moralmente imperfetto, in ossequio alla tradizione Marvel, e nel corso del tempo ha agito con i Vendicatori, i Fantastici Quattro e in tempi più recenti con la Fondazione Futuro. Ora arriva la collana a lui dedicata, inserita nel contesto post-Secret Wars.

Battleworld non esiste più e Ant-Man è perfettamente inserito nell’attuale Marvel Universe. La sua vita però non è certo serena.

Si è allontanato dalla ex moglie e soprattutto dall’amatissima figlia Cassie, per ragioni che saranno spiegate in questi primi due episodi del comic-book, e ciò non lo rende felice.

Si è trasferito a Miami e ha fondato un’impresa di sicurezza, finanziata dalla volitiva Ms. Morgenstern che nella Golden Age era la supereroina Miss Patriot, e si avvale dell’assistenza di due tipi discutibili come Grizzly e Machinesmith, ex criminali ansiosi di redimersi (ma non è detto che sia davvero così). Cerca di procurarsi clienti ma non sembra avere molto successo in tal senso.

Lo Stupefacente Ant-Man
Lo Stupefacente Ant-Man

Per giunta, Ant-Man dovrà vedersela con le macchinazioni del misterioso Power Broker che ha deciso di creare un’app che potrebbe procurargli parecchi problemi, e con gli attacchi del gigantesco Darren Cross, il primo avversario da lui affrontato, e di Turbine.

Come se non bastasse, incontrerà la sua ex fiamma, Darla, un tempo conosciuta come Miss Cosa. Dal momento che non si sono lasciati in maniera pacifica, si può intuire che le cose tra loro non saranno proprio idilliache.

A scrivere la serie è il bravo Nick Spencer, sceneggiatore dell’acclamato Captain America Sam Wilson, senz’altro da considerare tra i migliori autori attualmente in forza alla Marvel.

Come nel caso della testata di Cap, Spencer inizia a narrare la storia da un punto in cui parecchi avvenimenti si sono già verificati. Scott, per esempio, è in prigione per ragioni sconosciute e la narrazione procede a ritroso. Questa soluzione narrativa contribuisce a suscitare la curiosità.

Con Astonishing Ant-Man, inoltre, Spencer dimostra la sua versatilità. Se in Captain America Sam Wilson i toni sono infatti drammatici e introspettivi, qui prevalgono quelli ironici.

Il comic-book di Scott Lang è divertente, i dialoghi sono brillanti e leggeri, ma non c’è infantilismo (e il rischio di averci a che fare, ammettiamolo, è elevato con la Marvel). E’ una proposta editoriale di intrattenimento e da questo punto di vista funziona.

Lo Stupefacente Ant-Man
Lo Stupefacente Ant-Man

Ma non è banale e peraltro Spencer affronta tematiche interessanti come quella della costante ricerca della sicurezza da parte degli americani ossessionati dal timore di incidenti o attentati; e non manca di ironizzare sullo spietato spirito di competizione delle aziende statunitensi e dei loro manager.

C’è poi una strizzata d’occhio ai Marvel fan nostalgici della Silver Age con l’apparizione di un villain piuttosto sfigato, figlio di un semisconosciuto criminale apparso nelle vecchissime avventure di Hank Pym.

Astonishing Ant-Man è inoltre da tenere d’occhio per i disegni di Ramon Rosanas. Il suo tratto è fluido, essenziale e dinamico, in particolare nelle sequenze d’azione.

Il penciler sa rappresentare in maniera efficace le emozioni dei protagonisti, riuscendo a caratterizzarli. Scott ha sempre un aspetto simpatico, Cassie è deliziosa, Darla molto femminile, Machinesmith e Grizzly hanno un’aura farsesca e così via.

Insomma, la serie è promettente e vale un tentativo.

Compra Lo stupefacente ant-man 1 variant con sconto

Articoli Correlati

One Piece ha finalmente fatto il suo ritorno dopo il mese di pausa concesso a Eiichiro Oda per lavorare sull’arco narrativo...

03/08/2022 •

14:00

Con l’arrivo di Namor in Black Panther: Wakanda Forever e i prossimi progetti legati a Fantastic Four e X-Men, ormai quasi...

03/08/2022 •

12:00

Anche per quanto riguarda la DC Giugno, il mese dedicato alla celebrazione delle comunità LGBTQIA+, ha visto l’uscita di...

03/08/2022 •

11:00