Dr. Strange e Dr. Destino: Trionfo e Tormento, acclamata graphic novel degli anni ottanta – Recensione

Pubblicato il 18 Settembre 2015 alle 11:20

Torna in una nuova edizione una delle graphic novel Marvel più acclamate degli anni ottanta: Trionfo e Tormento! Il Dr. Strange, il Maestro delle Arti Mistiche del Marvel Universe, puo allearsi con il perfido Dr. Destino? Certo che sì e ce lo spiegheranno i grandi Roger Stern e Mike Mignola!

Quando Stan Lee e Jack Kirby crearono il celeberrimo Dr. Destino in uno storico episodio di Fantastic Four non sospettavano che sarebbe divenuto uno dei villain più carismatici e importanti del Marvel Universe. Tuttavia, l’inquietante Victor Von Doom rappresenta la quintessenza del criminale Marvel. Nello stesso tempo, però, le sue caratteristiche lo rendono complesso e sfaccettato e i lettori sono stati talmente coinvolti da lui al punto che la Marvel gli ha persino dedicato alcune testate.

Compra: Dr. Strange e dr. Destino trionfo e tormento

Destino è malvagio e in principio non si discostava dal prototipo dello scienziato pazzo che intende conquistare il mondo. Geniale al pari del rivale Reed Richards, Victor è in grado di creare congegni straordinari, è persona colta, intelligente e raffinata nel modo di porsi. Per giunta, è un capo di stato e in parecchie storie dimostra di avere lati positivi. Destino prova sincero amore nei confronti del suo popolo e sovente ha cercato di difenderlo. E’ capace di provare affetto, basti pensare al comportamento con il piccolo Kristoff. Victor da bambino ha sofferto per la morte del padre, vittima di pregiudizi, e ciò ha condizionato le sue scelte.

Victor era infatti uno zingaro e proveniva da un contesto che subiva l’emarginazione. Alcune volte ha persino aiutato i suoi acerrimi nemici, i Fantastici Quattro, ed è stato lui, per esempio, a far nascere Valeria, la figlia di Reed e Sue, dandole il nome della compianta madre. Insomma, lo ribadisco, il Dr. Destino non è un semplice cattivo e l’ennesima dimostrazione potrete averla leggendo Trionfo e Tormento, graphic novel anni ottanta realizzata da due autori d’eccezione: Roger Stern e Mike Mignola.

Stern si concentra su un dettaglio poco approfondito. Quando Lee e Kirby narrarono, infatti, le origini di Victor in un annual di Fantastic Four, rivelarono che la madre era una strega. Il giovane Victor aveva letto i testi esoterici della donna, apprendendo in tal modo le arti della magia. Si tende a considerarlo uno scienziato ma il personaggio conosce pure i rudimenti della stregoneria. Stern quindi parte proprio da questo concetto e immagina che Destino, legato al ricordo della madre, decida di aiutarla. La donna, in quanto strega, è prigioniera nel regno infernale di Mefisto. Victor intende salvare la sua anima ma è necessario recarsi negli inferi e affrontare il potentissimo demone.

Destino però non è il più grande mago dell’Universo Marvel. Il titolo di Maestro delle Arti Mistiche spetta al Dr. Strange e Victor ha bisogno della sua assistenza, cosa inaccettabile per un individuo orgoglioso che si reputa invincibile. Stern perciò analizza le differenze caratteriali dei due personaggi, impegnati in una insolita alleanza. Stephen Strange, pur consapevole che Destino simboleggia tutto ciò che detesta, comprende che sua madre è a suo modo una vittima la cui anima potrebbe in effetti essere salvata. Accetta allora di aiutare uno dei peggiori criminali del mondo.

Senza spoilerare, però, specifico che Destino non chiederà aiuto a Strange. Destino non chiede. Destino non si umilia. Di conseguenza, ne vedrete delle belle. Stern insiste sull’ambientazione cupa e oscura del reame infernale e i character dovranno sconfiggere demoni mostruosi e lo stesso Mefisto che naturalmente non vede di buon occhio la presenza dei due intrusi. I testi di Stern sono evocativi, con dialoghi intensi e profondi, e la story-line ha un ritmo veloce che coinvolge il lettore sin dal principio. L’autore descrive abilmente le psicologie di Victor e di Stephen, mettendo in evidenza le differenze ma pure le analogie esistenti tra loro. Sono entrambi uomini dal passato tormentato, hanno sperimentato le pulsioni più oscure dell’animo umano, hanno lo stesso coraggio e la stessa forza d’animo, non sono privi di fragilità emotive e conoscono la magia.

Compra: Dr. Strange e dr. Destino trionfo e tormento

Trionfo e Tormento è giustamente ricordato anche perché è stato uno dei primi lavori dell’ottimo Mike Mignola che proprio con questa graphic novel si mise in luce. Il suo tratto contorto e aggressivo è perfetto per il contesto quasi horror della trama e pare anticipare ciò che farà con Hellboy. Destino è maestoso e intimidente e Strange ha un’aura a tratti sinistra e luciferina. Mike si collega agli stilemi classici di Kirby e di Ditko, rielaborandoli in maniera personale e realizzando tavole di grande efficacia visiva. Insomma, Trionfo e Tormento è un’opera che merita attenzione e bene ha fatto Panini Comics a riproporla.

Articoli Correlati

Sotto il regno selvaggio dei vampiri raccontato da Jed MacKay e Pepe Larraz in Blood Hunt, nessuno sulla Terra è al sicuro dalla...

22/02/2024 •

15:30

Goku e Gohan hanno spesso misurato il loro livello allenandosi insieme nel manga di Dragon Ball. Per concludere...

22/02/2024 •

10:17

In home video grazie ad Anime Factory etichetta di Plaion Pictures dedicata all’animazione nipponica è arrivata la favola...

22/02/2024 •

10:15