Recensione DMZ vol. 8 Cuori e Teste – Planeta DeAgostini

Pubblicato il 22 Ottobre 2010 alle 09:33

Autori: Brian Wood (testi), Ryan Kelly, Riccardo Burchielli (disegni)
Casa Editrice: Planeta De Agostini
Provenienza: USA
Prezzo: € 16,95, 16,8 x 25,7, pp. 192.


Continua con successo DMZ, considerata da molti la più dirompente serie Vertigo degli ultimi anni, scritta dallo statunitense Brian Wood, già messosi in luce con Local e Demo, tra le altre cose, e disegnata, prevalentemente, dall’italiano Riccardo Burchielli. Con il pretesto di narrare una vicenda distopica ambientata nel cuore di Manhattan, dopo lo scoppio di una guerra civile che ha reso la zona una vera e propria nazione indipendente, Wood ha analizzato il clima di tensione post-11 settembre e da ‘guerra di civiltà’ imperante, di fatto rendendo DMZ uno dei pochi fumetti realmente politici presenti nel mercato.

In alcune recensioni precedenti, avevo puntualizzato che, pur apprezzando Wood, sentivo che lo scrittore stava tirando un po’ la corda, esasperando le situazioni narrative, peraltro senza risolvere molti dei punti ancora in sospeso (per esempio, tuttora non si sa per quale motivo è scoppiata la guerra civile negli Stati Uniti da lui immaginati) e, considerando anche che, come sanno gli utenti, un altro suo serial, Northlanders, imperniato sui vichinghi, non è di mio gradimento, lo definivo sopravvalutato.

Tuttavia, dopo aver letto il volume intitolato ‘Cuori e Teste’, che comprende i nn. 42-49 del mensile originale, posso dire che il livello delle storie, ultimamente in calo, è migliorato. Matty Roth, giornalista del network Liberty News, coinvolto, suo malgrado, nella vita insidiosa e rischiosa della DMZ, in questo story-arc inizia a subire un mutamento psicologico che, se non altro, modifica le atmosfere e si intuisce che i prossimi capitoli saranno forse caratterizzati da nuovi e inediti sviluppi.

Se in principio, infatti, Matty era stato un testimone più o meno passivo degli eventi, dopo aver contribuito a fare eleggere l’attuale governatore della DMZ, il populista Parco Delgado, sta, a modo suo, condizionando la vita della DMZ e, di conseguenza, il suo stato psicologico. E tale stato non è dei migliori.

Senza rivelare nulla, posso solo anticipare che Matty, spinto da peculiari motivazioni, compierà un passo estremo che non lascerà indifferente il lettore, in una vicenda che, man mano che si procede nella lettura, si fa sempre più angosciante e carica di suspense. I testi di Wood sono validi, sia nei dialoghi sia nelle didascalie e, nel complesso, la story-line è ben costruita.

Sul versante grafico, i primi episodi, che costituiscono una sequenza intitolata ‘No Future’ (probabile omaggio al nichilismo dei Sex Pistols e del movimento punk in generale), sono illustrati dal Ryan Kelly di Lucifer e imperniati su una setta angosciante di mercenari che ha occupato l’Empire State Building. Anche se Kelly non mi ha mai fatto impazzire, ammetto che ha realizzato un buon lavoro, con una interessante struttura della pagina e un incisivo story-telling.

Ma Riccardo Burchielli lo surclassa alla grande. Il bravissimo Riccardo realizza forse i suoi disegni migliori, dimostrando perizia e talento di alto livello. Basta osservare il modo in cui rappresenta ogni personaggio, caratterizzato in maniera personale; i grattacieli; i tunnel della metropolitana; le armi; in poche parole, il clima di degrado urbano di un paese tormentato da una guerra insensata, reso ulteriormente suggestivo dai colori lividi e intensi di Jeromy Cox.

Con questo volume, Wood ha per fortuna risollevato le sorti di un serial che stava perdendo colpi e che comunque continua ad ottenere notevole riscontro in USA. Malgrado non sia paragonabile alle prime uscite, reputo ‘Cuore e Teste’ consigliabile e certamente non dispiacerà agli estimatori di Wood e Burchielli.


Voto: 7

Articoli Correlati

Il manga di One Piece si trova al momento nelle fasi finali che sanciranno la fine del viaggio dei Cappelli di Paglia....

14/07/2024 •

17:13

Ti piacciono i temi che trattiamo ormai dal lontano 2006? Se vuoi metterti in gioco nel settore potrai essere il nostro prossimo...

14/07/2024 •

16:00

Kagurabachi si è rivelato una vera e propria rivelazione tra tutti i manga che hanno debuttato sulla rivista Weeklsy Shonen Jump...

14/07/2024 •

12:00