Autori: Nobuyuki Anzai.
Casa editrice:
GP Publishing.
Provenienza:
Giappone.
Prezzo:
3,90 Euro.


L’ultima fatica di Nobuyuki Anzai, di cui presto arriverà sui nostri schermi l’anime di Mär, è arrivata già al settimo tankobon in Giappone, e vede come protagonisti tre amici per la pelle, Ichimatsu Matsuri, Koume Haruno e Takezou Sanguubashi, provenienti a loro insaputa da un pianeta alieno, quello di Polaris, di cui uno dei tre è addirittura il principe ereditario; per reclamare però il regno, altrimenti la stella si spegnerà definitivamente, oltre a capire chi sia il vero predestinato, devono assolutamente sposare una ragazza, anche se non una qualunque, bensì una rappresentate di una delle dodici costellazioni dello zodiaco.

Peccato che se c’è una cosa sicura è che i tre sono decisamente negati nei rapporti con l’altro sesso, per cui la missione si fa da subito in salita, anche perché su di loro grava una maledizione “interstellare”; per gli altri due è solo un “caso” (ovvero pura sfiga), ma il vero principe non potrà infatti mai avere successo con una donna terrestre, dato il compito importante che dovrebbe ricoprire sul suo pianeta di origine, per fortuna l’importante è trovare e scegliere una di queste 12 ragazze speciali (anche loro probabilmente inconsapevoli del vero ruolo che ricoprono), certo il fatto di essere totalmente impediti, quale che sia il motivo, non aiuta.

Trama bizzarra e personaggi simpatici per una storia scanzonata e divertente, peccato che talvolta siano proprio le gag a non funzionare perfettamente, risultando incomprensibili o un po’ astruse; se ne potrebbe discutere, essendo un argomento che in definitiva attiene parecchio alla sfera della sensibilità personale, magari si tratta di adattamenti poco felici, o forse è l’autore a essere dotato di un umorismo troppo personale (o ancora, un limite del sottoscritto troppo fuori target), oppure un misto di un po’ di tutte queste cose.

Fatto stà che talvolta le reazioni dei personaggi, spesso scatenanti risse megagalattiche, sono abbastanza assurde, pur volendo essere divertenti, soprattutto se rapportate con quanto letto fino all’attimo prima; va bene esagerare, ma certe trovate sembrano proprio campate per aria, evidenziando una narrazione dal ritmo altalenante, nella quale un buon andamento ha talvolta delle brusche frenate.

Molto belli i disegni, molto espressivi e curati, abbastanza deformed quando serve e perfettamente in sintonia col testo, il tutto vorrebbe e dovrebbe essere sicuramente più divertente di quanto alla fine risulti, e forse la colpa non è nemmeno tutta dell’autore che comunque diverse battute e qualcuna anche buona, le imbrocca pure (per cui non è totalmente da bocciare come umorista, anzi), forse una chance anche per il prosieguo gliela si potrebbe dare, ma mai come in questo caso potrebbe risultare calzante il de gustibus; edizione della GP abbastanza buona, così come la carta finalmente più bianca, come richiesto da molti lettori, ma le pagine scendono a 160 per 3,90 euro di prezzo, sebbene nelle solicits dei cataloghi ne vengano segnalate 192 (!).


Voto: 7-

telegra_promo_mangaforever_2

1 commento

  1. Buono shounen, secondo i canoni di Anzai.. anche se ce ne vuole prima di avvicinarsi a Flame of Recca.

    Apprezzabili anche le citazioni di suoi vecchi personaggi nel manga, come Babbo o Setsuna, tra i tanti. ^_^

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui