Lamù: condiviso un nuovo trailer, un poster e la data di uscita ufficiale del Remake

Lamù: condiviso un nuovo trailer, un poster e la data di uscita ufficiale del Remake

Pubblicato il 20 Maggio 2022 alle 18:30

Urusei Yatsura (Lamù, la ragazza dello spazio in Italia) che adatta il manga di Rumiko Takahashi nella sua versione anime, ha finalmente un trailer ufficiale, che annuncia la data di debutto e un nuovo poster, preannunciando i membri del cast che si sono aggiunti successivamente.

Nel nuovo cast, tra i nomi di spicco troviamo sicuramente Wataru Takagi nel ruolo di Cherry. Takagi è famoso per aver interpretato Okuyasu Nijimura nella quarta serie di Jojo e Obito Uchiha in Naruto Naruto. È stato inoltre rivelato che Miyuki Sawashiro interpreterà Sakura. Sawashiro è la voce di Sinon in Sword Art Online e di Sakura Suzuhara nei film della serie Rebuild of Evangelion. Questi sono i personaggi in questione.

Il regista sarà Hideya Takahashi, che dirigerà la serie insieme a Yasuhiro Kimura (2.43: Seiin High School Boys Volleyball Team), il character design sarà firmato da Naoyuki Asano e la series composition sarà scritta da Yuko Kakihara. L’animazione sarà opera della David Production e l’uscita è prevista per ottobre 2022.

La primissima edizione dell’anime rom-com (Comedy Romance Anime), tratto dal manga iconico di Rumiko Takahashi, risale al 1981 e al 1983 per l’Italia, forse per questo il pubblico ha bisogno di un remake, visto che purtroppo i prodotti audio-visivi datati hanno sempre un certo sentimento scostante.

La produzione del nuovo anime di Lamù vedrà lo stesso Studio di animazione de Le Bizzarre Avventure di JoJo, ovvero David Production. Per Il voice cast originale sono stati confermati Maaya Uchida e Mamoru Miyano, rispettivamente voci di Shinobu Miyake e Shutaro Mendo.

A proposito del manga originale:

Lamù è un manga shōnen, creato da Rumiko Takahashi e pubblicato in Giappone sul settimanale Weekly Shōnen Sunday, edito dalla Shogakukan, dal 1978 al 1987.

Nel 1980 l’opera ha vinto il Premio Shogakukan per i manga in entrambe le categorie shōnen e shōjo, e nel 1987 il Premio Seiun come miglior fumetto di fantascienza/fantasy.

Il manga tramite vicende comiche e demenziali rappresenta la vita e la cultura del Giappone, ma è anche una parodia della società contemporanea e del folclore locale.

Dal manga sono stati tratti nel tempo una serie anime televisiva, sei film e dodici OAV.

Il manga è stato pubblicato in italiano prima da Granata Press dall’aprile 1991 al marzo 1995, poi da Star Comics dal marzo 1997 fino al febbraio 2001.

L’anime, invece, è stato trasmesso solo da TV private e da circuiti televisivi a partire dal 1983, tra essi ci sono Telecapri e Retecapri, Euro TV e Odeon TV.

 

Articoli Correlati

Uno degli autori più famosi e iconici di sempre ha lasciato dietro di se una scia di storie davvero particolari e sfiziose, sia...

27/06/2022 •

18:00

Moonlight Invader è una commedia sentimentale classica, che mescola personaggi e vicende di base fantascientifiche. Il manga si...

27/06/2022 •

17:00

Con la conclusione del lunghissimo arco di Wano di One Piece, i lettori dovranno aspettare un mese prima che le avventure di Rufy...

27/06/2022 •

16:00