Atelier Ryza 2: Lost Legends & the Secret Fairy è un titolo JRPG sviluppato da Gust e pubblicato da Koei Tecmo che abbiamo provato in anteprima assoluta per voi.

Questo gioco arriverà su PlayStation 5, PlayStation 4, Nintendo Switch il 3 dicembre in Giappone. Invece, per quanto riguarda il resto del mondo e su PC, arriverà il 26 Gennaio 2021 in Nord America e il 29 Gennaio 2021 da noi in Europa.

Trama di Atelier Ryza 2

Questo titolo è il seguito di Atelier Ryza: Ever Darkness & the Secret Hideout. Qui continueremo il nostro viaggio accompagnando Ryza che dovrà andare a scoprire i misteri celati nella Royal Capital. Al suo fianco ci sarà Fi, una creatura magica con cui la protagonista approfondirà il suo rapporto durante lo svolgimento del gioco. Ritroveremo anche alcuni dei nostri vecchi amici ed alleati come Empel (che ha insegnato a Ryza le basi dell’alchimia) e Lila.

Oltre a questo, Ryza sarà aiutata dai Puni. Queste creature simili a delle bolle dalle faccette dolci possono essere mandate in viaggi di raccolta e potranno anche salire di livello. Rendendo più semplice scoprire degli oggetti rari da consegnare poi a Ryza. Sarà inoltre possibile controllare alcuni elementi di gioco, tra cui il meteo.

Atelier Ryza 2 | Recensione

Le novità introdotte in Atelier Ryza 2

A differenza di tutti gli altri titoli di questa saga, il mondo in cui è ambientato non è stato svelato. Ma, come abbiamo detto in precedenza, è il sequel diretto del capitolo uscito l’anno scorso, con la stessa protagonista. Tra le principali novità introdotte troviamo la photo mode. Per rendere ancor più accattivante e peculiare, ma anche per sfruttare fino in fondo la bellezza delle protagoniste del gioco.

Interessante anche la cura che potremo avere per l’arredamento del luogo in cui Ryza farà i suoi esperimenti alchemici. Potremo abbellirlo con gli oggetti trovati in giro per la mappa oppure riportatici dai nostri Puni. Infatti, come abbiamo già accennato, potremo allevare e addestrare i nostri Puni per fargli fare dei compiti al posto nostro.

Il comparto tecnico di Atelier Ryza 2

Partiamo dal presupposto che il gioco non è ancora nella fase finale e che non vorremmo svelarvi troppo riguardo questo titolo per non rovinarvi la sorpresa. C’è da dire però, che nelle premesse il sistema di combattimento di Atelier Ryza 2 è piuttosto interessante. Si parte ovviamente dalla base classica a turni degli RPG giapponesi, ma con qualche interessante variante. Il sistema di combattimento a turni è stato infatti organizzato in maniera piuttosto dinamica, rendendo il complesso molto avvincente ed anche visivamente più appagante.

Durante le esplorazioni delle zone avremo in basso a destra una minimappa per orientarci al meglio e di un sistema che potrà anche indicarci dove andare, per non perderci. Ovviamente, come in ogni gioco di ruolo che si rispetti, potremo scegliere i nostri costumi e le armi e le abilità utilizzabili in combattimento e durante le esplorazioni. Nella progressione di crescita a livelli, avremo il classico sistema a rami delle abilità in cui sviluppare la nostra protagonista privilegiando alcune sue caratteristiche e abilità. Oltre a delle abilità speciali da poter potenziare per utilizzarle in battaglia.

L’aspetto grafico di Atelier Ryza 2

Dal punto di vista grafico, Atelier Ryza 2 ha un accattivante aspetto cartoon realizzato col cel shading, che conferisce al gioco l’impressione di un anime interattivo. I modelli poligonali sono stati realizzati in maniera molto dettagliata, con grande cura per quelli dei protagonisti e dei nemici che affronteremo. Nel complesso, il livello delle texture è molto alto e con un disegn 3D molto vicino all’aspetto dell’anime.

Le ambientazioni sono state realizzate con molta cura per il dettaglio, questo concorre a rendere l’atmosfera ancor più coinvolgente. Molto ben realizzati anche gli effetti particellari delle collisioni e delle mosse speciali, con dei bellissimi effetti di luce dinamici.

La colonna sonora di Atelier Ryza 2

La colonna sonora è aspetto senza dubbio curato del gioco. Il tema principale, dallo stile orchestrale e dallo stampo marcatamente nipponico, ci accompagnerà sempre in sottofondo. Cambiando a seconda degli ambienti che visiteremo e nelle fasi di combattimento. Non spicca particolarmente per originalità, ma è da considerare, nell’economia complessiva del gioco, una nota decisamente positiva del titolo.

D’altro canto, gli effetti sonori sono realizzati con maggior cura e danno alle animazioni, come quelle delle mosse speciali e dei colpi, uno spessore maggiore. Questa tessitura sonora rende sia gli ambienti che i combattimenti ancor più coinvolgenti.

Atelier Ryza 2 | Recensione 2

Atelier Ryza 2 – Conclusioni

In conclusione, partiamo dal dire che Atelier Ryza 2: Lost Legends & the Secret Fairy promette davvero molto bene, sebbene abbiamo potuto giocare ad un gioco non ancora del tutto ultimato. Già da ora possiamo dirvi che è un titolo imperdibile per i fan della saga. La realizzazione del gioco è negli standard qualitativi più alti dei giochi di ruolo provenienti dal Giappone ed è stata creata in maniera così curata l’atmosfera che se ne rimanere facilmente avvinti.

In questo fanno buon gioco la splendida grafica e una colonna sonora che accompagna degnamente. L’aggiornamento del combat system riesce con poche abili mosse a rendere ancor più accattivante il sistema a turni classico di stampo giapponese.

Prenota ora Atelier Ryza 2: Lost Legends & The Secret Fairy

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui