Con Samuel Stern 12 il rosso esorcista spegne la sua prima candelina per il suo primo anniversario editoriale! È già un anno che il libraio di Edimburgo staziona nelle edicole di tutta Italia grazie a Bugs Comics. Dopo dodici mesi si possono contare dodici numeri, uno speciale, un numero 0 di presentazione, un artbook, una variant cover e una cover white.

La risposta del pubblico al nuovo personaggio horror è stata decisamente positiva, talmente tanto che le edizioni limitate e i gadget distribuiti durante le fiere hanno raggiunto cifre molto alte nel campo del collezionismo a fumetti.

Ma a che punto sono arrivate le storie di Samuel?

Samuel Stern 12, 12 mesi di demoni

Filadoro e Fumasoli tornano con Savegnago alla scrittura di Samuel Stern, svelando alcuni aspetti della giovinezza del libraio dai capelli rossi. Si scopre che un prete dell’orfanotrofio Mother’s Mary di Edimburgo aveva intuito le potenzialità del ragazzo. Le capacità di Samuel saranno utili a una suora anziana dell’orfanotrofio, che ha una strana sensazione riguardo alla sparizione di alcuni bambini, molto simile a un caso che lei “seguì” trent’anni prima.

samuel stern 12 tav.17

Un uomo dallo sguardo vitreo e spaventoso è il personaggio in comune tra i casi di sparizione del 1993 e qualcosa fa credere alla suora che questo strano uomo abbia a che fare anche con le attuali sparizioni. Così Samuel indossa il cappello da detective e si mette alla ricerca di bambini perduti, scoprendo sale di tortura e demoni sigillati all’interno della mente di più persone di quanto potesse immaginare…

Samuel Stern 12 – Farfalle demoniache

In Samuel Stern 12 non c’è spazio a una tranquilla storia di paura. I protagonisti della mattanza demoniaca stavolta sono bambini: nel paese di Stirling, decine di bambini vengono prelevati coattamente dai luoghi dove nessuno li cerca per poter essere trasferiti nell’orfanotrofio comunale e da lì far perdere le loro tracce.

Samuel lotta da solo per 98 pagine, con un piccolo aiuto telematico di Penny e con un sostegno poco collaborativo dell’agente Foster Cranna, uomo di polizia con una strafottenza alla J. J. Jameson. I tre sceneggiatori mettono il Nostro in difficoltà: pochi indizi alla mano, pochi indiziati collaborativi e tanti piccoli innocenti da ritrovare. Forse questa è una delle avventure più complicate che Samuel ha dovuto vivere finora, soprattutto quando si ritrova in un momento di totale deprivazione sensoriale a combattere contro il buio assoluto.

Prima esperienza in Bugs Comics per Salvo Coniglione, disegnatore che ha nel suo curriculum esperienze nella collana Le Storie di Sergio Bonelli Editore. Sguardi basiti, ambientazioni ampie e neri disturbati da effetti nebbia: il tratto di Coniglione riporta alla mente le scene di film horror e noir italiani di fine anni Settanta. Aumentano l’ansia, la tachicardia e la claustrofobia (soprattutto verso la fine). Ci si ritrova a vivere in un film del primo periodo di Lucio Fulci: le sensazioni da groppo in gola e stretta allo stomaco sono rappresentate da neri pieni e tagliati da fili di luce bianca.

Samuel Stern 12 – conclusioni

Un albo da stretta allo stomaco, ma anche colmo di scene dolci. Si riesce infatti a conoscere un po’ meglio Lily, la figlia di Samuel comparsa in qualche vignetta nei primi albi. Una bambina dolce, sensibile, ma che pare celi una profonda inquietudine della quale Samuel è stato allertato…

Acquista il graphic novel Geppetto – Storia di un padre edito da Bugs Comics cliccando QUI

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui