Con Maxi Tex 27 – I tre fratelli Bill, la Sergio Bonelli Editore propone una storia letteralmente “leggendaria”: Tex Willer incontra i tre fratelli Bill, protagonisti di una serie a fumetti della SBE negli anni Cinquanta.

Mauro Boselli ha creato una storia che fa incontrare Aquila della Notte con i tre storici personaggi bonelliani, calandoli in un’atmosfera di puro western che sicuramente esalterà gli appassionati del genere.

Maxi Tex 27 – I tre fratelli Bill – il simbolo della vecchia SBE

Black, Sam e Kid sono personaggi con caratteristiche diverse: uno è un simpatico forzuto, l’altro è un avvenente rompicollo, mentre l’ultimo è un funereo pistolero. Tutti e tre sono spinti a combattere al limite con la legge, riducendo al minimo (per una promessa fatta) l’utilizzo delle armi.

Si tratta di personaggi carismatici, e che riescono a fare bella figura di fronte ad Aquila della Notte.

In Maxi Tex 27 – I tre fratelli Bill, i Chiricahuas si trovano orfani del loro capo Cochise, forse morto, forse rapito. Tutto ciò innescherà un meccanismo di alta tensione tra gli indiani, che porterà successivamente a scoprire intrecci e tradimenti.

Tex e Kit Carson sono, nonostante i fratelli Bill, i padroni di questa storia. La comparsa nelle prime decine di pagine dei tre personaggi intriga, e spinge il lettore ad essere incuriosito da questi personaggi creati da Gianluigi Bonelli.

Ma via via che la storia prosegue la presenza dei fratelli Bill perde un po’ di consistenza, e Tex con Kit Carson prendono di nuovo la scena in maniera prevalente.

Maxi Tex 27 – I tre fratelli Bill è una storia che mostra un buon intreccio, che, però, ad un certo punto diventa un po’ troppo contorta, smorzando quel misto di sorpresa ed aumento della tensione (e dell’attenzione) del lettore.

Questo Maxi Tex 27 – I tre fratelli Bill mostra comunque tutte le caratteristiche di base delle storie western della Sergio Bonelli Editore: ci sono i personaggi carismatici, i grandi intrecci, i meccanismi che portano Storia e fantasia a produrre atmosfere e suggestioni che stimolano i lettori.

Maxi Tex 27 - I tre fratelli Bill - 1 Maxi Tex 27 - I tre fratelli Bill - 2

E poi i disegni di Alessandro Piccinelli sono sopraffini. Il punto di valore di questo fumetto è proprio la presenza di questo disegnatore, capace di creare disegni espressivi e ben definiti, con un tratto morbido.

Il ritmo e l’azione sono incalzanti, anche se non sono sempre costanti in tutto il fumetto. E la chiusura con una vignetta nel pieno di una scena action è sicuramente un qualcosa d’innovativo, non solo sugli albi di Tex.

Maxi Tex 27 – I tre fratelli Bill – In attesa dell’incontro tra Tex e Zagor

Quindi che ben vengano operazioni del genere capaci di ripescare personaggi storici del mondo narrativo della Sergio Bonelli Editore. I tre fratelli Bill sono personaggi carismatici che sarebbe bello vedere in futuro sulle testate bonelliane.

E dopo questo team-up i fan bonelliani (ed anche noi) aspettano che venga concretizzata quella rivelazione che Mauro Boselli ci fece in un’intervista di un anno fa: ovvero vedere insieme Tex Willer e Zagor.

L’aspetto più complicato e particolare di queste operazioni è quello di creare un giusto equilibrio tra i protagonisti del team-up. In questo Maxi Tex l’amalgama tra i fratelli Bill e Aquila della Notte funziona fino ad un certo punto.

Inizialmente prevale la presenza dei fratelli Bill, mentre successivamente è Aquila della Notte a prendere il sopravvento. Ed anche la storia, arrivati a metà del fumetto, sembra perdere un po’ di equilibrio.

Resta il fatto che questo Maxi Tex risulta godibile per tutti gli appassionati di western a fumetti, e chiaramente per tutti i lettori bonelliani.

Aquista QUI Tex. Nei territori del Nordovest

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui