Il momento tanto atteso dai fan di One Piece è finalmente giunto: Stealth Black (ma lui preferisce il nome O-Soba Mask) è qui!

VESTIZIONE!

Page 1 è un degno avversario per il nostro Sanji, per cui il cuoco di bordo dei Pirati di Cappello di Paglia deciderà di affrontarlo dopo aver indossato la sua Raid Suite Numero 3. Il suo processo di vestizione è in perfetto stile giapponese (pensate ai Cavalieri dello Zodiaco, ai Sette Samurai, a Sailor Moon), anche se non manca la classica ironia di Eiichiro Oda nel momento in cui Franosuke farà notare a Sangoro che non è buona educazione denudarsi in pubblico!

Naturalmente, Sanji non può rivelare la sua vera identità, per cui decide di utilizzare un nome alternativo, ovvero O-Soba Mask. Sarà Law a chiamarlo Stealth Black, riconoscendolo al primo sguardo, ma il Capitano dei Pirati Heart conosce molti dettagli su questa particolare Raid Suite, e quando gli verrà chiesto come possa sapere tutte quelle cose, il Dottore della Morte dirà semplicemente che “nel North Blue lo sanno tutti“.

Inoltre, questa è anche una ottima occasione per il Maestro Oda-san di dimostrarci ancora una volta quanto nulla nella sua opera sia casuale: ricordate quando Sanji incontrò Absalom, a Thriller Bark? In quella occasione, Sanji gli disse che ingerendo il Suke Suke no Mi aveva infranto il suo sogno di poter diventare invisibile per spiare le donne nude mentre si fanno il bagno… cioè… per mettere quel potere a disposizione della giustizia!

Sono passati molti anni dalla saga di Thriller Bark, ma adesso, nella saga di Wano, verrà ripreso questo elemento, che porterà Sanji anche a fare una riflessione sull’ironia della sorte: ora, il sogno che coltivava fin da bambino si è finalmente tramutato in realtà proprio grazie a un dispositivo realizzato grazie alla ricerca scientifica della sua odiatissima (e a ragione) famiglia di origine.

In effetti, il rifiuto del nome Stealth Black non è legato unicamente alla necessità dell’anonimato, ma anche al suo risentimento per una famiglia che lo ha rinnegato e che egli stesso, a sua volta, ha rinnegato, e alla parziale riluttanza nell’usare qualcosa che è stata creata dai Vinsmoke.

Tuttavia, Sanji non è incoerente, in questo: dopo i terribili fatti di Whole Cake Isalnd, lo sfortunato e tenace ragazzo ha infatti avuto modo, se non di ricucire i rapporti con la sua famiglia, quantomeno di dare inizio a un processo di avvicinamento, grazie anche e soprattutto a Reiju, la sua amata e splendida sorella.

Godetevi lo scontro con Page 1, in attesa di scoprire cosa ha in serbo per noi l’anime di One Piece! Inoltre, non dimenticate che in questo episodio vedrete anche la nostra geisha preferita, O-Robi, alla ricerca di qualche indizio sui Poignee Griffe, che spera di trovare nel Paese in cui questi sono stati creati…

ANTICIPAZIONI

Gli Oniwabanshu, la guardia del corpo personale di Orochi composta da potentissimi ninja, fa la sua comparsa, mettendo in seria difficoltà Nico Robin, Brook e Nami, che non avranno altra scelta se non affrontarli, per evitare ancora una volta che il loro piano segreto venga scoperto, nel prossimo episodio di One Piece, dal titolo Situazione disperata – I minacciosi Oniwabanshu di Orochi. Kaizoku ou ni ore wa naru!

Vi ricordo infine che da qualche tempo a questa parte tutti gli episodi della serie di animazione completa di One Piece è disponibile per la visione GRATUITA su Crunchyroll anche qui da noi in Italia, e potrete godervi ogni singolo episodio senza avere nemmeno la necessità di iscrivervi al celebre servizio di streaming.

Tuttavia, è comunque necessaria una precisazione: per quanto riguarda le ultime due puntate trasmesse ogni domenica in simulcast con il Giappone, queste saranno sempre disponibili per la visione su Crunchyroll unicamente se si dispone di un abbonamento al servizio.

Se non lo avete ancora mai provato, però, potrete usufruire di un periodo di prova della durata di 30 giorni.

telegra_promo_mangaforever_2

COMMENTA IL POST