Amate esplorare nuovi e coloratissimi mondi da soli o in compagnia? Avete sempre desiderato analizzare campioni alieni animati e inanimati? Avete sviluppato una dipendenza da Grob? Allora Journey to the Savage Planet fa al caso vostro!

2IL FACETO

telegram_promo_mangaforever_3

Journey to the Savage Planet è un divertentissimo viaggio all’interno di un mondo dai colori talmente vividi da farvi sentire come se foste in un trip allucinogeno!

La parte fondante del titolo, poi, ovvero l’esplorazione, è inoltre resa intrigante non soltanto dalla più totale libertà con cui potrete andare giro e fare fuori qualsiasi cosa che si muova, ma anche dai tanti mezzi che avrete a disposizione per potenziare il vostro equipaggiamento e fregare meglio gli abitanti del posto.

Se poi ogni tanto avrete voglia di staccare la spina, gustatevi le spassosissime pubblicità, un vero e propria toccasana che sono certa vi farà ridere a crepapelle!

IL SERIO

Journey to the Savage Planet ha come premessa l’ormai quasi totale inabitabilità della Terra.

I giocatori vestiranno dunque i panni di un esploratore o di una esploratrice spaziale facente parte del prestigioso Programma Pioneer, un progetto del Kindred Aerospace, “la quarta compagnia di esplorazione spaziale più grande che ci sia”.

Scopo della missione sarà stabilire se il pianeta su cui siete finiti sia adatto a ospitare gli esseri umani.

I temi dell’ecologia, del surriscaldamento globale e del rischio concreto di essere vicini al fatidico “punto di non ritorno”, superato il quale il clima della Terra non potrà più essere riportato a livelli sani che ne garantiscano l’abitabilità, sono quindi le premesse narrative per nulla fantascientifiche di un titolo decisamente fantascientifico.

Durante i vostri viaggi al di fuori del Javelin, la nave spaziale a bordo della quale vi sarete schiantati su questo bizzarro pianeta, potrete anche rilassarvi leggendo email, compilando questionari per tenere aggiornata la compagnia sui vostri progressi e guardando le tante pubblicità di prodotti per noi assurdi, ma divenuti assolutamente di uso comune in questo futuro fortemente distopico.

Certamente sono molto divertenti, ma l’intento è anche quello di far riflettere: c’è un fondo di critica per nulla velata allo stesso mondo videoludico nello spot di un videogioco in cui non si fa praticamente nulla, se non acquistare una marea di contenuti aggiuntivi altrettanto inutili, e di amaro sarcasmo nelle salviette che rimuovono dalla mente eventi drammatici e traumatici e quando si parla di Grob, una sostanza melmosa e appiccicaticcia dall’aspetto disgustoso che però è “la quarta migliore sostanza alimentare dell’Universo”, il che ci fa capire che, evidentemente, il cibo “vero” è ormai soltanto un lontano ricordo.

Una risata amara farà dunque da sottofondo musicale alla vostra esperienza di gioco, che vuole dimostrare quanto una consistente dose del caro buon vecchio sarcasmo possa aiutarci a riflettere su problematiche decisamente più concrete, drammatiche e attuali di quanto non possa emergere da una analisi troppo superficiale.

Indietro

COMMENTA IL POST