Dopo la conclusione del Primo Atto della saga ambientata nel Paese di Wano, ecco un episodio che funge da intermezzo dedicato a ciò che invece sta avvenendo al di fuori dei territori despoticamente dominati dall’Imperatore Kaido delle 100 Bestie; ora, è tempo di andare a trovare un altro Imperatore…

EMPEROR

I fan e i nemici giurati di Marshall D. Teach saranno certamente felici di rivederlo dopo così tanto tempo, a maggior ragione perché nell’ultimo episodio dell’anime di One Piece è stata finalmente rivelata la sua spropositata taglia!

Teach è divenuto un uomo molto potente grazie ai poteri conferitigli da ben due Frutti del Diavolo, entrambi rubati alla ciurma di cui faceva parte prima di crearne una che fosse tutta tua: si tratta del Frutto dell’oscurità, lo Yami Yami no Mi, che era assegnato al suo compagno Tatch, e del Gura Gura no Mi, il Frutto che conferisce la capacità di generare terremoti appartenuto un tempo all’antico Capitano di Barbanera, Edward “Barbabianca” Newgate.

C’è un motivo ben preciso se Teach ci viene mostrato proprio in questo momento, ed è qualcosa che ha a che fare con una caratteristica ancora avvolta nell’oscurità dello Yami Yami no Mi: come già sappiamo, Barbanera è in grado di impossessarsi dei Poteri derivanti da un altro Frutto del Diavolo, caratteristica che lo rende assolutamente unico in tutto il panorama di One Piece, poiché non esiste nessun altro al mondo che possieda i poteri di due Frutti.

In questo episodio, scoprirete che la sua ciurma si è ormai fatta un nome per via proprio del fatto che sia alla ricerca dei poteri più forti, e questo significa soltanto una cosa: Barbanera è in grado di gestire ben più di soli due Frutti.

Naturalmente, però, per impossessarsi di un determinato Frutto è necessario che il suo utilizzatore precedente muoia, il che mi riporta alla mente l’unica donna Imperatrice, Big Mom.

Grazie alla narrazione della sua vicenda sappiamo infatti che per acquisire i poteri di un Frutto non bisogna necessariamente mangiarlo, ma si può anche mangiarne il portatore: Big Mom è in grado di manipolare le anime grazie al Soru Soru no Mi, appartenuto in precedenza a Mother Caramel e delle peculiarità del quale si è impossessata grazie a un atto di cannibalismo.

Tuttavia, deve necessariamente esistere un altro metodo per mettere le mani sui Frutti del Diavolo che appartengono a qualcun altro, e questo metodo è legato allo Yami Yami no Mi, poiché abbiamo visto farlo solo a Barbanera.

Gecko Moria è andato a fare una visitina a Teach perché, consapevole del fatto che l’Imperatore sia alla ricerca dei Frutti più rari e potenti, crede che possa esserci lui dietro la scomparsa di un suo compagno: Absalom, che è in grado di rendersi invisibile.

Naturalmente, Barbanera non accoglierà da solo Gecko Moria, anzi, non si mostrerà affatto a lui: ormai Teach è un pezzo grosso, e può permettersi di bistrattare pirati che non ritiene alla sua altezza, perciò affiderà l’accoglienza di Moria a un paio di suoi sottoposti.

Intanto, apprenderete anche cosa stia accadendo in quel di Marijoa: l’ultima volta che siamo stati nella Capitrale del Governo Mondiale, dove si sta svolgendo il Reverie, abbiamo potuto vedere come Sabo e i suoi amici Rivoluzionari stessero pianificando di salvare Kuma. Ebbene, vedrete anche un piccolo aggiornamento su questa questione.

ANTICIPAZIONI

Dopo questo breve intermezzo, avrà inizio il Secondo Atto della Saga del Paese di Wano, nel quale continueranno ad approntarsi i preparativi del piano per sconfiggere una volta per tutte Kaido, nel prossimo episodio di One Piece, dal titolo Si entra in azione – Il grande piano per sconfiggere Kaido! Kaizoku ou ni ore wa naru!

Loading...

COMMENTA IL POST