Gli appassionati di Tex sapranno bene che il nemico per eccellenza di Aquila della Notte è Mefisto. Ma, nel corso dei suoi oltre settant’anni di vita editoriale, il personaggio ha incontrato diversi villain capaci di metterlo in grandi difficoltà. Colui che dopo Mefisto è da considerare tra i più pericolosi nemici di Tex è Proteus.

Proteus è un trasformista, un personaggio capace di mutare faccia, e che spesso ha assunto l’aspetto dello stesso Tex, o dei suoi pards. Ed il volume proposto dalla Sergio Bonelli Editore, intitolato Proteus, propone le prime storie in cui il personaggio è comparso.

Proteus è riapparso di recente in un una nuova storia dedicata ad Aquila della Notte, mettendo ancora una volta il ranger ed i suoi pards in grandi difficoltà, e creando un intreccio narrativo suggestivo. Perché è questo l’elemento più intrigante delle storie di Proteus.

Le tre storie proposte in questo volume sono: Il Misterioso mister P (1967), Arrestate Tex Willer! (1979) e Il Delitto di Kit Carson (1987). Si tratta di tre intrecci che all’epoca sorpresero i lettori, e che fecero addirittura dubitare per diverse decine di pagine dell’affidabilità dello stesso Tex, e di Kit Carson.

Tex, Sergio Bonelli Editore Tex, Sergio Bonelli Editore Tex, Sergio Bonelli Editore

La furbizia di Proteus sta infatti nel voler spesso far ricadere la colpa dei suoi misfatti proprio sui suoi acerrimi nemici. Tex e Kit vengono incolpati di crimini commessi da Proteus, rischiando la propria incolumità, e portando Kit Carson ad un passo dalla propria fine.

In queste storie si riassapora anche l’essenza di Tex Willer, quelle caratteristiche che lo rendono un personaggio forte a livello narrativo, anche a distanza di settant’anni. Tex, infatti, in Uccidete Kit Carson! è convinto dell’innocenza del suo compagno di avventure. Per questo motivo è pronto a sfidare la legge, ed a tornare ad essere un fuorilegge, pur di evitare una fine ingiusta per il suo amico.

I disegni di Letteri accompagnano queste storie, mettendo al centro delle tavole uno stile che si pone a metà tra ciò che rappresenta l’eredità di Galeppini, e ciò che sarà il corso e l’impronta di Claudio Villa.

Il volume brossurato di quasi 400 pagine proposto dalla Sergio Bonelli è l’ideale sia per i neofiti che per i grandi lettori texiani. I primi potranno scoprire il personaggio attraverso alcune delle sue storie più intriganti. Mentre i texiani più appassionati potranno riscoprire alcune delle migliori storie del passato di Tex.

Inoltre, volumi tematici come questi, che tornano indietro di decenni nel passato editoriale di Tex, fanno riscoprire le capacità narrative di grandi autori come Gianluigi Bonelli, e Claudio Nizzi.

Bonelli, fin dall’esordio di Tex nel 1948, ha dimostrato di essere un autore avanti coi tempi, capace d’inserire il ritmo e le battute serrate delle migliori storie western in un fumetto di fine anni Quaranta.

Anzi, Bonelli ha anticipato i tempi: in un periodo in cui le storie western dividevano ancora nettamente i cowboy buoni dagli indiani cattivi, Bonelli proponeva un protagonista fuorilegge, che era a tutti gli effetti un antieroe.

E Nizzi, invece, è stato il primo autore a portare avanti l’eredità di Gianluigi Bonelli, caratterizzandosi per la sua capacità e voglia di mettere al centro delle storie i quattro pards tutti insieme: Tex, Kit Carson, Kit Willer e Tiger Jack.

Insomma, Proteus è il volume adatto per riscoprire il passato di  Tex, e per capire meglio perché si tratti di un personaggio ancora così forte e solido a livello narrativo.

telegra_promo_mangaforever_2

COMMENTA IL POST