La puntata più recente dell’anime di Fire Force ci porta finalmente nel covo delle Tuniche Bianche, dandoci anche un primo assaggio delle strategie difensive dei seguaci del Profeta.

I’M GOING DEEPER UNDERGROUND

Dopo una accurata analisi di diversi indizi e prove, i pompieri delle Brigate che hanno unito le forze per poter combattere insieme la terribile minaccia delle Tuniche Bianche e del loro capo, il Profeta, sono finalmente riusciti a fare una scoperta davvero molto importante: il luogo che dovrebbe essere il quartier generale del nemico.

Si tratta del Nether, un luogo intriso di credenze religiose situato per l’appunto nei sotterranei a dell’Impero di Tokyo a cui fa riferimento il titolo della puntata. Trovo interessante la scelta non tanto di collocare il quartier generale dei villain sotto terra, quanto piuttosto quella di dare una determinata collocazione di questo posto in un luogo realmente esistente, spiegando così agli spettatori cosa ci fosse un tempo lì.

Nei sotterranei della città di Tokyo c’è, nel nostro mondo, la fitta rete di collegamenti della metropolitana, che però in questa versione che potremmo definire post-apocalittica della metropoli giapponese non esiste più, il che ci dà anche un più il senso di incredibile distanza nel futuro in cui sono ambientati gli avvenimenti di Fire Force, se per Shinra è addirittura impensabile che un tempo i treni circolassero sotto terra.

Una cosa per noi scontata e familiare come la metropolitana è quindi un concetto quasi fantascientifico per Shinra e i suoi compagni, in un tempo in cui, se è vero che siamo nel futuro, è tornata preponderante a caratterizzare le vite degli esseri umani la religione, anche se si tratta di qualcosa di molto distante dalle religioni che conosciamo.

Ora, nel luogo in cui una volta circolava la metropolitana di Tokyo non è nemmeno possibile circolare senza un permesso speciale, poiché si tratta di una zona l’accesso alla quale è proibito, e si pensa anche che questo sia una sorta di collegamento fra il nostro mondo e una dimensione in cui vivono creature terrificanti: l’Inferno.

Per queste ragioni, sono pressoché tutti spaventati a morte al solo pensiero di dovervi mettere piede. Ma la mitologia che permea il Nether non è l’unico problema, poiché di certo non sarà consentito così facilmente l’accesso ai pompieri.

DIVIDE ET IMPERA

Nonostante i ragazzi si addentrino nel Nether da soli, i campi di battaglia saranno molteplici: una buona strategia di attacco è infatti quella di dividere le forze nemiche per costringerle a combattere isolate, e questo è un vantaggio ancora maggiore, se chi attua questa tattica si trova nel proprio territorio, che quindi conosce bene, a differenza degli indesiderati ospiti.

La lotta non sarà certo facile per nessuno dei pompieri coinvolti, anche se non priva di momenti divertenti e imbarazzanti, ma la posta in gioco adesso è davvero alta: giungere nel cuore del quartier generale delle Tuniche Bianche potrebbe non soltanto infatti rivelarsi molto utile, se non indispensabile, per la comprensione delle reali cause della combustione umana spontanea, ma lì potrebbe esserci anche Shō, il fratello minore di Shinra.

A tal proposito, nella puntata vedrete anche un breve, ma dolce flashback del piccolo nucleo familiare formato da Shō, Shinra e loro madre, nel quale si evince chiaramente che il legame fraterno fra i due bambini (Shō in questa sequenza è ancora in fasce) era davvero molto forte: come può Shō aver dimenticato tutto questo?

Ma a Shinra e ai suoi amici e colleghi non importa cosa ricordi o non ricordi il ragazzo dai candidi capelli: lo riporteranno a casa, costi quel che costi.

L’anime di Fire Force è distribuito in maniera del tutto legale e GRATUITA qui da noi in Italia tramite il canale Youtube ufficiale di Yamato Animation. Vi ricordo infine che la serie sarà composta da un totale di 24 episodi e che gli stessi saranno disponibili ogni venerdì a partire dalle 19:25.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui