Questo volume di Spider-Man Collection propone due sequenze firmate da David Michelinie, autore che nei primi anni novanta ebbe il merito di svecchiare il mensile dell’Arrampicamuri, inserendo varie novità.

David era un autore versatile, capace di ideare storie dai toni cupi e drammatici, ma anche altre caratterizzate da atmosfere narrative ironiche e solari. Nel caso specifico di Amazing Spider-Man optò per una via di mezzo.

Da un lato, infatti, propose un personaggio intimidente e inquietante come Venom, forse la sua creazione più famosa, dall’altro rese Peter Parker sempre più leggero e divertente, con la splendida e ottimista Mary Jane al suo fianco. Lo scrittore non trascurò lo storico cast di Spider-Man e rivolse poi la giusta attenzione nei confronti della Zia May, di Flash Thompson, di Jameson e di Felicia Hardy, alias la Gatta Nera. In pratica, il suo Amazing Spider-Man fu un riuscito mix di classicità e innovazione con una perfetta attitudine anni novanta.

Quando poi ai disegni giunse Todd McFarlane il comic-book raggiunse livelli di vendite mai visti prima. A un certo punto, però, Todd decise di lasciare la serie. Ormai, però, il suo stile era imprescindibile e la Marvel lo sostituì con Erik Larsen che ebbe ben presente la lezione di Todd e disegnò l’Uomo Ragno nella stessa maniera contorta, con le lenti della maschera enormi. Gli altri personaggi, a cominciare da Mary Jane, avevano il medesimo look cartoonesco concepito da McFarlane. In realtà, però, Eric andò oltre e accentuò questi elementi.

Alcuni fan gradirono le sue palesi esagerazioni, altri meno, ma Larsen, comunque, non rinunciò ad esprimere la sua personalità artistica, proponendo tavole di grande impatto visivo che rendevano giustizia alle sceneggiature di Michelinie. Questo volume include i nn. 330/333 e 340/343 di Amazing Spider-Man che costituiscono forse le story-line più apprezzate del duo. Nella prima, Peter ha a che fare con il Punitore che Larsen propone come un uomo dal viso scavato, reminiscente in parte di quello di Whilce Portacio. I due eroi devono affrontare un gruppo di trafficanti di droga, ma questo è solo il pretesto che serve a Michelinie per dare il via a una saga che vede il ritorno di Venom e dello psicopatico Jonathan Caesar, un uomo che ha una preoccupante ossessione nei confronti di Mary Jane.

Un ruolo rilevante lo gioca la sexy e amorale Gatta Nera, qui presentata come una specie di deliziosa Betty Boop in costume, che cercherà di dare filo da torcere al povero Peter, coinvolgendo l’ignaro Flash Thompson. Nella seconda sequenza, invece, Michelinie presenta le Femme Fatales, un gruppo criminale femminile tipico degli anni novanta, e classici villain del calibro di Tarantula, dello Scorpione e del Camaleonte. L’autore punta sul supereroismo e sulla soap opera, proprio come nel periodo classico di Amazing. Si tratta, dunque, di un fumetto di intrattenimento e basta, ma non privo di qualità.

Il n. 343, inoltre, va segnalato per l’esordio di Cardiac, uno dei tanti anti-eroi violenti e spietati che andavano di moda alla Casa delle Idee in quel momento. Nel complesso, questo volume è da tenere d’occhio, sia per i testi e i dialoghi ironici di Michelinie, sia per i disegni adrenalinici di Erik Larsen. Da provare.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui