Dopo essersi temprato nella fumetteria in cui lavora, tra clienti di tutti i tipi (vedi Nerdonomicon) e alle prese con la costante minaccia delle M.O.M.S., è tempo per il piccolo robottino di The Sparker di muovere concretamente i primi passi verso il sogno di una vita: diventare un fumettista! Sulla sua strada, però, sono pronti a presentarsi ulteriori ostacoli (letteralmente parlando!): ce la farà Volt a tenere duro e realizzare finalmente il suo desiderio? E, cosa più importante: sarà abbastanza allenato (sempre letteralmente parlando, ovviamente)?

IL CONCORSO (CON CORSA) PER FUMETTISTI

La vita in fumetteria sembra, ormai, essere diventata per Volt la normalità: i clienti (più o meno fastidiosi, vedere sempre Nerdonomicon) sono ormai alla sua portata, ed è tempo dunque per lui di salire un ulteriore gradino di quella scala che dovrebbe condurlo a intraprendere la tanto agognata carriera da fumettista. Incoraggiato dai suoi amici (sarà davvero così?) il piccolo robottino si iscrive ad un concorso per fumettisti con in palio la pubblicazione, che si preannuncia però da subito pieno di ostacoli: nella giura, è presente anche uno degli editori della Ophiuchus Publishing, la “vecchia” tigre che ha creato non pochi problemi a Volt nel numero 6 della prima stagione.

Per non destare troppi sospetti e attirare problemi, decide così di assumere l’identità de El Rayo (ci ricorda qualcuno, ma al momento siamo troppo pigri per pensarci…) e partecipare senza paura. Ma il concorso si preannuncia tutt’altro che una semplice selezione di progetti…Volt dovrà iniziare una vera e propria corsa contro il tempo, sfuggendo a tutti gli ostacoli (sempre inteso letteralmente, non lo avete capito!? Eppure Zerocalcare dovrebbe aver già enfatizzato situazioni del genere!) che, quotidianamente, mettono i bastoni tra le ruote di un’aspirante fumettista.

IL MONDO DEL FUMETTO IN UN CONCORSO PER FUMETTISTI DI UN FUMETTO

La messa alla prova delle abilità artistiche, caratteriali e fisiche di Volt viene messa a dura prova in un concorso che, con il solito stile ironico e mai banale di The Sparker, accompagnato da un tratto quasi unico e che fa venire voglia di prendere i personaggi ed abbracciarli, rende omaggio al mondo del fumetto: tra partecipanti (per sapere quali dovrete leggere il fumetto, non possiamo mica dirvi tutto!) ed ex-vincitori vengono citati, e rappresentati con simpatici alter-ego, tantissimi autori del grande panorama fumettistico italiano. La grande sfida di Volt sarà quella di affrontare problemi legati all’autore e, in generale, al mondo dell’editoria, per un excursus in tutto il sistema che permette a noi di leggere un prodotto fatto e finito.

Demoni personalizzati (ricordate Zerocalcare sì?) si frapporranno fra il robottino e il suo obiettivo, con nuovi e vecchi amici (come il Sogno, anch’esso personalizzato, di ritorno nella serie) pronti ad accompagnarlo in questa sua prima grande sfida. Ce la farà Volt, o verrà schiacciato dalle circostanze? Stefano Conte rimanda al prossimo appuntamento con la serie per scoprirlo, ma quest’albo già si candida a più bello, intenso e assolutamente spiritoso dell’intera serie…le citazioni di Robocop nella storia principale (sempre Vivo o Morto) e le consuete storie dell’Uomo Pigro (questo nemmeno volevamo aggiungerlo, ma non siamo pigri come lui…forse) insieme alle storie tratte da fatti realmente accaduti nelle fumetterie di tutta Italia, arricchiscono un numero assolutamente imperdibile.

telegra_promo_mangaforever_2
IN BREVE
Storia
8
Disegni
7.5
Articolo precedenteMarvel: nuove serie per Morbius, il simbionte Scream e Yondu
Articolo successivoE’ morto Gabriele Di Benedetto in arte Akab
Ragazzo romano 23enne studente di Letteratura Musica e Spettacolo, passa la maggior parte delle giornate chiuso nella sua Bat-caverna intento a leggere libri e fumetti, o a scrivere poesie. Appassionato di serie tv, mondo pokèmon. supereroi e tutto ciò che sia fuori dal comune!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui