La Gazzetta della BD – 27 settembre 2018 –

Pubblicato il 27 Settembre 2018 alle 16:00

Le novità a tema fumetto dalla zona francofona

Torniamo nel Congo, ma non per ricordare il dominio belga, bensì per denunciare cosa succede ai nostri giorni per il coltan.

Dopo la consueta classifica, ecco tre novità, un volume dedicato all’Olocausto, uno a Papa Francesco ed uno ad una nuova serie che mischia mistero e storia, un classico della tradizione BD che funziona sempre.

05 – Il nuovo album-denuncia di Jean Van Hamme

Il nuovo album di Christopher Simon e del creatore di Largo Winch condanna l’inferno vissuto dagli abitanti di una piccola regione del Congo, benedetta e maledetta per la presenza di un ricercato minerale, il coltan. Kivu è l’album-shock del 2018, che immerge il lettore nel cuore dell’ attualità.

Questa la sinossi del volume: Ingegnere appena laureato, François lavora per un potente consorzio industriale. Gli è stata affidata la negoziazione di un importante contratto in Congo. Sul posto scopre il regno del cinismo e della corruzione, in proporzioni che non avrebbe mai potuto immaginare. Il suo destino finalmente cambia quando il suo percorso incrocia quello di Violette, una bambina congolese cacciata da un potente leader ribelle.

Su Le Figaro, Jean Van Hamme ha rilasciato una dura intervista in cui denuncia la sua rabbia per l’indifferenza che c’è sul Congo e sulle politiche delle multinazionali che vi operano (comprando però poi in Malesia il coltan): “Con questo album, Kivu, farò una crociata. E Christophe Simon e io abbiamo solo scalfito la superficie del dramma che si sta svolgendo sugli altopiani del Kivu. Il nostro fumetto dice la verità in un modo relativamente gentile”.

E poi aggiunge “La cosa peggiore è che in questo paese diviso, corrotto e caotico, queste risorse minerarie, che sono un’enorme fonte di reddito, non giovano nemmeno ai congolesi”.

04 – La classifica degli albi più venduti

Le migliori vendite di albi dal 10 al 16 settembre 2018, secondo GFK/Livres Hebdo:

1) Silex and the city, tomo 8, L’homme de Cro-Macron, Jul, éditions Dargaud

2) Le Chat du Rabbin tomo 8, Petit panier aux amandes, Joann Sfar, édition Dargaud collection Poisson pilote

3) Le Chemisier, Bastien Vivès, éditions Casterman

4) Les profs tomo 21, Rentrée des clashs , Erroc, Sti e Simon Léturgie, Bamboo édition

5) Conquêtes tomo 1, Islandia, Jean-Luc Istin e Zivorad Radivojevic, éditions Soleil

6) Negalyod, Vincent Perriot, éditions Casterman

7) Méta-Baron tomo 6, Sans-Nom le Techno-Baron , Jerry Frissen e Valentin Sécher, Les Humanoïdes associés

8) L’âge d’or tomo 1, Cyril Pedrosa e Roxanne Moreil, éditions Dupuis, collection Aire Libre

9) The lapins crétins tomo 11, Wanted, Thitaume e Priou, édition Les deux royaumes

10) Les Schtroumpfs et le village des filles tomo 2, La trahison de Bouton d’or , Alain Maury, Thierry Culliford e Luc Parthoens, éditions Le Lombard

Come potete vedere, Les profs ha infine perso la prima posizione della classifica (ma resta comunque quarto), scalzato da Silex and the City, con una presa in giro del presidnete francese. Il gatto del rabbino, di cui abbiamo parlato la settimana scorsa, mantiene invece la seconda posizione. Segnalo all’ottavo posto il primo tomo de L’Età dell’oro, uscito la settimana scorsa anche in Italia per Bao Publishing.

03 – Quando il fumetto arriva ai confini dell’intimo…

Francine R., una sopravvissuta dell’Olocausto, ha raccontato la sua storia, che è diventata una BD per Glénat:

Ecco la sinossi: Francine R. viene arrestata con la sorella dalla Gestapo a Pouilly-sous-Charlieu, nella Loira, il 6 aprile 1944, perchè supposta complice delle azioni poste in essere nella resistenza dal fratello Joannès. Da lì, partiranno in un convoglio per donne, ma poi saranno separate: sua sorella sarà mandata a lavorare nei campi di Hannover; Francine nelle fabbriche di armamenti di Herman Göring. Durante la sua vita, nulla le sarà risparmiato da quell’arresto da parte della Gestapo: una umiliazione continua, viaggi in treno in un carro bestiame, esperimenti in un campo di concentramento medico, spogliare i morti, saccheggi, lavoro forzato… ma anche la permanenza della speranza di vivere fuori da questo inferno, insieme a due uomini, un francese e un algerino, il sabotaggio del lavoro alla catena di montaggio, l’emozione della liberazione del campo, la prima notte in un vero letto e il 14 luglio della liberazione a Parigi.

Francine ne ha parlato dettagliatamente a Boris Golzio in una lunga intervista. Rimasto a lungo con questo materiale nelle sue mani, l’autore decide di ritradurre questa parola in una storia a fumetti il ​​cui disegno è il più neutro e ingenuo possibile per rendere l’orrore sopportabile. Una storia in cui il testo è composto solo dalla voce di Francine, nella sua stessa lingua, cruda, senza esitazioni, ripetizioni e tremori, al fine di rispettare la verità ontologica delle sue osservazioni e di riferire nel miglior modo possibile che cosa era la vita di questa donna. Tra migliaia di altre, ogni voce, ogni parola è unica e deve essere salvata dall’oblio.

02 – Un volume per Papa Francesco

Le Editions des Arènes hanno presentato una biografia di Papa Francesco, che narra la storia del Papa dalla sua infanzia ad oggi. Il titolo è “François“, di Laurent Bidot e Arnaud Delalande.

 

Intitolato semplicemente con il nome del Papa, questo graphic novel vede Monsignor Karcher, uno dei segretari privati ​​del Papa, narrare la vita di Jorge Bergoglio: “infanzia, vocazione, le battaglie durante la sanguinosa dittatura in Argentina, il conclave, le grandi sfide del nostro tempo”, riassume su Facebook Arnaud Delalande, lo sceneggiatore, già autore di svariati romanzi storici dedicati a vari personaggi della Storia mondiale, come Stalin o Dante.

Il fumettista Laurent Bidot ha realizzato molti fumetti legati alla religione, come Padre Pio, La storia della Grande Certosa e La storia di Mont-Saint-Michel. In uno stile grafico più vicino alla caricatura ha anche pubblicato J’y crois pas!, in cui racconta umoristicamente le proprie domande spirituali.

01 – La migliore spia del regno di Francia è veneziana!

La nuova serie ad ambientazione storica di Glénat ci porta nella Francia del Settecento, per la sceneggiatura di Arnaud Delalande (sì, quello del volume su Papa Francesco) ed i disegni di Éric Lambert. Il primo volume è già disponibile per euro 13,90.

Settecento. Il mondo è in piena ebollizione. L’ex agente segreto della Repubblica di Venezia, Pietro Viravolta, soprannominato “L’orchidea nera”, è conosciuto come una delle migliori lame d’Europa. Dopo aver svelato un complotto a Venezia nel Consiglio dei Dieci, inizia un viaggio a Versailles per entrare al servizio del re Luigi XV. Ma proprio la sera del suo arrivo, il re di Francia è seriamente ferito con un pugnale! Viene quindi indicata la prima missione della nostra spia: smascherare i mandanti dell’attacco…

Dopo una serie di romanzi di successo, Arnaud Delalande immerge il suo eroe preferito in una serie di nuove avventure a fumetti! Una saga di mantelli e spade degni dello Scorpione, tra grande storia e spionaggio, messa in scena dal caratteristico tratto realistico di Eric Lambert. Ogni volume presenta un’avventura completa.

 

 

 

Articoli Correlati

Tra le uscite targate Panini Comics del 9 dicembre 2022 troviamo un nuovo numero del mensile di Star Wars, oltre all’edizione...

08/12/2022 •

18:00

Tra le uscite DC targate Panini del 9 dicembre 2022 si registra il ritorno del due Icon & Rocket, sotto l’imprinting...

08/12/2022 •

17:00

One Piece ha posto le basi per l’inizio della fine con il manga, ma al momento l’anime non ha ancora raggiunto il...

08/12/2022 •

16:00