Black Lightning 1×11 – Black Jesus: The Book of Crucifixion | Recensione

0
Trust your instincts…

Avevamo registrato la scorsa settimana una battuta d’arresto per Black Lightning – la recensione dello scorso episodio qui – con una svolta sci-fi/cospirazionistica che aveva un po’ abbassato i toni socio-realistici degli inizi ma che soprattutto aveva messo in pausa alcuni interessanti sviluppi dei personaggi secondari, uno fra tutti quello di Jennifer, la figlia minore di Jefferson, ancora alle prese con poteri nascenti.

L’episodio di questa settimana arriva forte del rinnovo della serie per una seconda stagione e si intitola Black Jesus: The Book of Crucifixion e vede l’ASA sfruttare l’inaspettata alleata reclutata alla fine dello scorso episodio, la vice-preside Fowdy.

Dopo i fallimenti dell’ASA e non potendo attaccare direttamente Black Lightning, la donna decide di adottare una strategia più fine: incastrare Jefferson Pierce. Grazie all’aiuto del mai troppo pulito dipartimento di polizia di Freeland, la Fowdy riesce a far piazzare nell’auto di Jeff un quantitativo di droga. La polizia quindi arresta l’uomo alla Garfield High School, mentre l’ASA è pronta a prenderlo in consegna ed una volta terminati tutti gli esami ed i test del caso ad eliminarlo.

Mentre Anissa vorrebbe subito liberare il padre, Gambi le consiglia di attendere il momento in cui l’ASA lo prenderà in consegna mentre bisognerà architettare un modo per far in modo che sia Black Lightning a liberare Jefferson Pierce di modo da non destare sospetti.

L’ispettore Henderson intanto è l’unico alleato su cui Jeff può contare all’interno del dipartimento di polizia ed infatti sarà colui che lentamente inizierà a venire a capo della messinscena per incastrarlo.

Black Jesus: The Book of Crucifixion rappresenta un piccolo passo avanti rispetto all’episodio della scorsa settimana anche se la sensazione è stata quella di aver visto un semplice episodio di passaggio, sensazione strana soprattutto se si tiene conto che alla fine di questa prima stagione mancano solo due episodi.

L’episodio legittima, ma neanche con troppa convinzione, il ruolo della Fowdy e cerca di coniugare quelle istanze sociali viste nei primi episodi con la trama sci-fi che sta sviluppando.

Soprattutto questo secondo aspetto si sposa bene con il tentativo di incastrare il protagonista da parte della polizia e riapre la mai sanata ferita della brutalità della polizia, argomento sempre d’attualità negli USA.

L’episodio serve anche a far riconciliare Gambi e Jeff mentre viene, fortunatamente, accantonata la sotto-trama “mistica” e ad elevare Henderson ad un ruolo più prominente all’interno del dipartimento di polizia, mossa che sicuramente servirà a sviluppare il “triangolo” fra Henderson stesso, Black Lightning e Jefferson Pierce.

Il ritmo è come consuetudine molto blando con pochissime scene d’azione, affidando tutto il peso dell’episodio alla discreta prova di Cress Williams. Stona un po’ anche la colonna sonora funky anni ’70 stile black-explotation durante le scene d’azione che abbassa la tensione rendendole poco incisive.

Black Jesus: The Book of Crucifixion in definitiva non aggiunge alla trama principale della serie… che in questa risulta ancora difficile da individuare. Black Lightning rimane da questo punto di vista ancora acerbo e il rinnovo per assurdo non migliorerà questa situazione di empasse con gli showrunner che potranno non necessariamente risolvere tutte le trame e sotto-trame nei prossimi due episodi finali.

telegra_promo_mangaforever_2