Secondo parere: Voodoo 1 di Ron Marz

Pubblicato il 29 Ottobre 2011 alle 08:52

Balzata agli onori della cronaca più di un decennio fa grazie ad una mini realizzata da Alan Moore, ritorna l’eroina-spogliarellista Voodoo.

Voodoo n. 1

Autori: Ron Marz (Testi); Sami Basri (Disegni e copertina); Jessica Kholinne (Colori); Sunny Gho (colori copertina).
Casa editrice: DC Comics
Provenienza: USA
Prezzo: $ 2,99
Data di pubblicazione: 28 settembre 2011 (USA)

Voodoo è l’ultimo personaggio della fu-Wildstorm in ordine di tempo ad essere inserita nel DCnU con una nuova testata regolare.

L’albo è alquanto atipico presentandoci un plot che si svolge per intero nel luogo di lavoro di Priscilla Kitaens, la nostra protagonista, ovvero uno strip-club dove due zelanti agenti federali, che ricordano i più famosi colleghi Mulder e Scully, indagano sulla possibilità che sulla Terra vi sia una spia di una razza aliena pronta all’invasione ma che sta ancora raccogliendo informazioni sul luogo e soprattutto sugli eroi del nostro pianeta.

Ron Marz ai testi è un veterano e dosa sapientemente didascalie, pensieri e dialoghi fra i due agenti, che poi sono i veri protagonisti di questo #1, lasciando un alone di mistero su Voodoo con un cliffhanger finale scontato per certi versi ma comunque efficace nel lasciarci con il dubbio se davvero Voodoo è la spia che i due agenti ci volevano far credere oppure è una pedina in un gioco più grande di lei.

La parte grafica è affidata al sempre sobrio Sami Basri che col suo tratto delicato smorza l’atmosfera “hot” dell’albo potendosi permettere anche scene che in mano ad altri artisti sarebbero risultate troppo spinte, ottimo lo story-telling che si sposta perfettamente col tipo di narrazione impostato da Marz mentre la costruzione delle tavole è simmetrica senza particolari soluzioni ad effetto. Menzione d’onore anche ai colori ed alle chine mai invadenti.

Di tutte le testate dedicate ai personaggi della casa editrice di Jim Lee forse questa è quella che convince di più vuoi anche perché rispetto alle altre sembra aver già segnata la strada che vuole intraprendere, ovvero sviluppare la sotto-trama dell’invasione aliena che è comparsa anche in altre testate, e perché affidata ad un autore esperto che sa come catalizzare l’attenzione del lettore e coprire eventuali lacune nel plot.

Voodoo #1 è difficile da valutare: potrebbe risultare interessante a lungo termine cioè quando il suo autore svilupperà trama e personaggi in maniera più articolata dando così una visione d’insieme sia ai nuovi che ai vecchi lettori. Il mio timore però è che la trama si perda o venga diluita troppo o per colpa dell’autore o per colpa della DC che potrebbe repentinamente cambiare programma, se effettivamente ci fosse l’idea condivisa dell’invasione aliena, ed abbandonarla vanificando così l’impostazione data a questa serie. Rischioso!

VOTO: 6

Articoli Correlati

One Piece nel corso dei suoi 25 anni di serializzazione ha presentato ai lettori tantissimi personaggi che hanno caratterizzato...

29/07/2022 •

21:00

Panini ha iniziato a pubblicare su base mensile la nuova serie Punisher scritta da Jason Aaron, che ridefinisce e rilancia il...

29/07/2022 •

20:00

Saint Seiya: Knights of the Zodiac – Battle for Sanctuary è la nuova parte della produzione anime in CGI prodotta...

29/07/2022 •

19:00