Sin City di Frank Miller: il film

Pubblicato il 6 Aprile 2015 alle 18:30

Un hard boiled pulp post-moderno con atmosfere noir, contaminazioni dark, violenza esasperata con compiaciute spruzzate di splatter, umorismo cinico, una caratterizzazione dei personaggi estremizzata al limite del caricaturale e una veste grafica rivoluzionaria con un uso innovativo del bianco e nero.

Sono questi gli elementi che hanno reso Sin City un’opera fondamentale, il fumetto cult degli anni ’90, secondo molti il capolavoro assoluto partorito dal genio creativo di Frank Miller, ancor più de Il ritorno del Cavaliere Oscuro con il quale, negli anni ’80, aveva aggiornato in modo radicale il mito di Batman.

Concepita come un’unica graphic novel divisa in episodi, come tasselli di un unico mosaico, e pubblicata dalla Dark Horse a partire dal ’91, Sin City, la “Città del peccato” come viene ribattezzata la corrotta Basin City, è un luogo in cui il confine tra il bene e il male è indefinito e il bianco e nero utilizzati dall’autore s’intersecano non solo in un simbolico gioco di luci e ombre quanto piuttosto per una scelta stilistica atta ad esaltare un dato dettaglio attraverso il contrasto cromatico. Emergono così dalle tavole di Miller uomini duri, “al limite”, che si aggirano tra i vicoli disperati della giungla urbana alla ricerca di vendetta e giustizia, sotto una bianca pioggia battente che lava via il nero inchiostro delle tavole.

La narrazione disincantata, malinconica, a tratti romantica, è fornita dalla voce fuoricampo dei protagonisti, poliziotti incorruttibili, psicopatici ed ex-delinquenti con un proprio codice d’onore, affiancati da prostitute e spogliarelliste che possono rivelarsi guerriere ultrasexy per affrontare i giochi di potere della famiglia Roark composta da uomini politici ed eminenze grigie ecclesiastiche con la forza di polizia ai propri ordini. Un percorso violento, sanguinoso, senza via di redenzione ma abbastanza sopra le righe nel tono del racconto e nell’aspetto grafico da essere surreale, divertito ed avvincente. Qualcosa di assolutamente unico nel suo genere.

Articoli Correlati

Fullmetal Alchemist: Brotherhood – The Promised Day è il primo gioco da tavolo basato sulla seconda trasposizione anime...

20/10/2021 •

16:38

Le novità Anime Factory di Dicembre 2021 vedono la pubblicazione del film Earwig e la strega di Studio Ghibli, di cui qui potete...

20/10/2021 •

13:18

Lautaro e Perisic stanno facendo impazzire i social per un’azione di gioco che ha richiamato il celeberrimo Capitan Tsubasa...

20/10/2021 •

11:43