Quinto appuntamento con la rubrica di MangaForever preferita dai cinemaniaci! Oggi parleremo del regista/sceneggiatore per eccellenza: Quentin Tarantino.

Da ragazzino sognavo o di fare l’attore o di fare il rapinatore. La rapina come gesto agonistico mi affascina. Nel cinema, beninteso.

quentin-tarantino

Regista eccentrico e sceneggiatore iconoclasta (ma anche attore niente male) Quentin Tarantino è, prima di tutto, un amante del cinema e un fan dei film. Di ogni tipo, genere e paese di provenienza. Tarantino, e non me ne vogliano i fedeli, è un po’ come Dio: vede tutto, e conosce ogni cosa … che riguardi cinema e film, sia chiaro.

E’ cresciuto ingurgitando i prodotti dell’exploitation degli anni ’70/’80 ai noir a basso budget, dagli spaghetti western di Sergio Leone (e non solo, anche se quest’ultimo è, dichiaratamente, il suo regista preferito) ai film di kung-fu: il giovane Quentin assimila informazioni e tecniche cinematografico non solo dai suoi registi preferiti, e non solo dai migliori, ma anche dai meno talentuosi, imparando da loro come si fa a fare un brutto film – e quindi come evitare di farne.

La sua peculiarità – che poi, negli anni, è diventato lo scopo della sua vita lavorativa – è quella di esaltare le potenzialità del cinema a basso budget, trasformando il b-movie in opera d’arte. L’esagerazione, il pacchiano, la violenza sfrenata, gore, in Tarantino sono elementi talmente smodati, eccessivi, che non si fermano là dove inizia il trash, ma lo travalicano, e fanno il giro completo, tramutandosi in arte.

Spesso i suoi film sono accusati di essere troppo violenti. E’ qualcosa che sapete, per sentito dire, anche se non avete mai visto una sua pellicola. Qualcosa all’insegna del “si dice che”.

download (1)

E’ vero, c’è violenza nei suoi film, e ce n’è molta (anche se non sempre). Ma la violenza del suo cinema (l’ormai attestato cinema tarantiniano) è qualcosa di finto, artificiale, irreale. C’è la rappresentazione filmica della violenza, la violenza del cinema, che è diversa da quella reale. Si tratta di estetismo della violenza, un altare barocco che prepara la violenza e la osanna artisticamente, la ammira e poi la prende in giro, se ne fa beffe.

Il sangue che Tarantino ci mostra, fra schizzi e arti tranciati e esplosioni di cervella, non è mai drammatico, ma catartico: a parte The Hateful Eight (forse la sua opera più cruda, che chiude otto spregevoli persone in una casa e ci dimostra quanta ferocia può annidarsi nell’animo umano) il regista sembra quasi voler esorcizzare la violenza, spingendo lo spettatore a riderne.

Continua a leggere, gira pagina

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui