Animal Man di Tom Veitch Vol. 2 – Recensione RW Lion Comics

Pubblicato il 21 Giugno 2014 alle 10:30

Continuano le deliranti vicissitudini di Animal Man scritte dal visionario Tom Veitch! Le cose si fanno sempre più preoccupanti per Buddy Baker e la sua famiglia! Scoprite in che modo nel secondo volume della sua serie che si fregia dei disegni di Steve Dillon!

Vertigo Classic n. 30 – Animal Man di Tom Veitch n. 2

ANIMAL_MAN_DI_TOM_VEITCH002

Autori: Tom Veitch (testi), Steve Dillon (disegni)
Casa Editrice: RW-Lion
Genere: Supereroi
Provenienza: USA
Prezzo: € 14,95, 16,5 x 25,2, pp. 160, col.
Data di pubblicazione: giugno 2014

RW-Lion sta pubblicando l’attuale serie di Animal Man sul mensile Constantine ma ha anche avuto la bella idea di tradurre gli episodi del comic-book precedente successivi alla celebrata run di Grant Morrison finora inediti in Italia. Di conseguenza, i fan di Buddy Baker hanno avuto modo di leggere le storie scritte da Peter Milligan e ora quelle di un altro visionario autore del comicdom statunitense, Tom Veitch. Questo secondo volume include i nn. 38-43 della testata originale e si può dire che, dopo l’inizio relativamente tranquillo del primo tp, le cose per Buddy e la sua famiglia diventano piuttosto preoccupanti.

Per una serie di ragioni ancora non del tutto chiare, i poteri di Animal Man non funzionano bene e il legame esistente tra il supereroe e il campo morfogenetico che lo collega all’universo animale è precario. Pare esserci lo zampino di un misterioso sciamano indiano ed è ormai evidente che il nostro eroe si trova, suo malgrado, al centro di una complessa macchinazione che coinvolge i Laboratori S.T.A.R. Ma la situazione non è affatto semplice e il rapporto tra Buddy e la moglie Ellen subisce un duro colpo. Stanca dei pericoli e della tensione, costei decide di allontanarsi momentaneamente, recandosi dalla madre in compagnia della piccola Maxine. Ma pure la ragazzina ha i suoi problemi, dal momento che sta iniziando a sviluppare doti meta-umane.

Cliff, dal canto suo, si fa traviare da un coetaneo scapestrato e, dopo una lite con il padre, scappa di casa, con conseguenze che si preannunciano agghiaccianti (basta notare il simbolo del medaglione di un uomo che ‘ospita’ Cliff a casa sua per intuire dove intende andare a parare Veitch), e lo strano vicino di casa hippy di Buddy, Travis, entra pure lui in contatto con i laboratori S.T.A.R. Insomma, cosa sta succedendo? Perché all’improvviso tutto sta andando a rotoli? Veitch descrive Animal Man in uno dei momenti più difficili della sua esistenza, delineando il ritratto di un uomo tormentato, confuso, psicologicamente debole; in altre parole: smarrito. Ed è proprio lo smarrimento che si percepisce nella lettura, enfatizzato da una crescente suspense e da suggestioni cospiratorie mutuate dall’esoterismo di Castaneda.

Veitch, inoltre, collega un episodio, benché in maniera labile, al crossover War of The Gods, facendo apparire la versione femminile del Dr. Fate e lo Straniero Fantasma, e nello stesso tempo realizzando un sentito omaggio ad Alan Moore e a uno dei più amati albi di Swamp Thing, quello ambientato nella cittadina di Rosewood popolata da vampiri anfibi. Sebbene le storie siano caratterizzate da atmosfere psichedeliche e thriller, non manca comunque una piacevole ironia, palese specialmente nella sequenza imperniata su un branco di lupi che invadono il Comicon di San Diego (sarà un riferimento sarcastico agli appassionati di fumetti visti come bestie feroci?).

Il penciler Steve Dillon fa un buon lavoro, caratterizzando in maniera egregia Buddy, Ellen, Cliff, Maxine e tutti gli altri personaggi della saga e costruendo le tavole d’azione in maniera inventiva. Tuttavia, il suo tratto è qui meno fluido ed elegante di quello di Preacher, giusto per fare un esempio, e risulta più grezzo, sia quando Dillon si inchiostra da solo, sia quando si avvale delle chine di Tom Mandrake e Mark Badger. In ogni caso, questo secondo volume dell’Animal Man di Tom Veitch non è da trascurare.

Voto: 7 ½

Articoli Correlati

I manga gialli fanno parte di un genere interessante da scoprire. Come sappiamo il manga è una forma di intrattenimento...

01/08/2022 •

15:00

Con l’ingresso della CGI molti appassionati di anime, manga e animazione in generale sono rimasti abbastanza delusi, visto...

01/08/2022 •

13:45

Anche anime e manga sono stati rovinati dalla diffusione della pirateria, ovvero la chimera di qualsiasi creatore attualmente in...

01/08/2022 •

12:30