Turok: Dinosaur Hunter #1 di Greg Pak e Mirko Colak, la recensione

Pubblicato il 7 Febbraio 2014 alle 19:30

A fare da apripista alla nuova incarnazione dei personaggi dell’universo Gold Key – sotto l’egida della attenta Dynamite – è Turok forse il personaggio più conosciuto di questo universo sia per le sue varie incarnazioni fumettistiche ma soprattutto per quelle videoludiche.

Turok01-Cov-Sears-0a917Turok: Dinosaur Hunter #1

Autori: Greg Pak (testi), Miro Colak (disegni)

Casa Editrice: Dynamite Entertainment

Provenienza: USA

Genere: Action

Prezzo: $3.99

Data di Pubblicazione: febbraio 2014

Leggi l’anteprima

aggiungi al carrello

Turok: Dinosaur Hunter si presenta così con un nuovo #1 e con un team creativo di tutto rispetto composto da Greg Pak ai testi, che sembra vivere una seconda giovinezza da quando è in forza anche alla DC Comics, e Mirko Colak alle matite.

Pak decide di riprendere le origini classiche del personaggio, tralasciando per il momento le sue versioni cyber-apocalittiche degli anni ’90 targate Valiant/Acclaim, mostrandoci un Turok nativo americano in epoca pre-colombiana mentre le matite di Colak fanno risaltare questo#1 che risulta essere prettamente introduttivo con un ritmo lento ma in cui i dialoghi non sono mai stucchevoli e l’azione è parsimoniosa.

L’albo si potrebbe comodamente dividere in 3 parti: nell’introduzione assistiamo all’assalto della famiglia del piccolo Turok, nella parte centrale invece abbiamo un Turok cresciuto e i cui problemi di integrazione con la sua tribù costituiscono il grosso dell’azione e nella parte finale Pak decide di far comparire i dinosauri e soprattutto di mettere in moto il vero twist dell’albo. Scopriamo infatti che le vicende sono ambientate nel 1210 ma cosa ci fanno dei Crociati europei in America e come hanno fatto ad “ammaestrare” i dinosauri?

E’ proprio il twist finale a lasciare spiazzati e non in senso positivo, infatti Pak fino a quel momento aveva costruito un albo quasi introspettivo e dal gusto europeo in cui le matite di Colak, precise ed espressive, erano perfettamente a loro agio.L’azione concitata delle ultime pagine infatti le vanifica stridendo con un layout troppo “stretto” e con due splash-pages che spezzano il ritmo.

In definitiva l’albo non mi ha particolarmente preso: Pak vorrebbe giostrare su due fronti quello del mistero intorno alla morte dei genitori di Turok e quello dei Crociati giunti in America ma l’albo è strutturato in modo tale da non rendere portanti nessuna di queste due parti.

Ho trovato ottime le matite di Mirko Colak invece: il suo tratto fluido e rilassante come già detto valorizza l’albo soprattutto grazie ad una attenta resa dell’ambiente naturale circostante che a mio modo di vedere deve essere elemento in più in una serie come Turok.

Se questo #1 non brilla è però indubbio che Pak non ha avuto un compito facile nel rilanciare Turok, il personaggio più esotico del roster Gold Key, e quindi mi sento di potergli concedere il beneficio del dubbio almeno fino alla fine del primo story-arc in cui dovrà dimostrare dove questa narrazione meta-storica vuole andare a parare e soprattutto dovrà dare a Turok una caratterizzazione convinta magari con l’introduzione di qualche personaggio secondario.

VOTO: 6

Articoli Correlati

One Piece è colmo di misteri e proprio per questo motivo tantissime persone si sono avvicinate al manga, ovviamente insieme ai...

29/11/2022 •

08:30

Tra le uscite J-POP Manga del 30 novembre 2022 troviamo Fenrir, lo spettacolare racconto di Chuuga Akamatsu e Mioko Oonishi del...

28/11/2022 •

18:00

Tra le uscite manga Star Comics del 30 novembre 2022 si segnala l’esordio di Ayakashi Triangle con i primi due volumi, oltre...

28/11/2022 •

17:00