Love and Rockets Collection: Palomar 1 – Recensione

Pubblicato il 7 Novembre 2013 alle 12:45

Panini Comics propone un classico indiscusso del fumetto americano degli anni ottanta: Love And Rockets del mitico Gilbert Hernandez! Non perdete l’inizio di una delle pietre miliari dei comics indipendenti d’oltreoceano nel primo volume della raccolta completa della serie!
LOVE AND ROCKETS COLLECTION PALOMAR 1Love and Rockets Collection: Palomar 1
Una Zuppa Per il Crepacuore

Autore: Gilbert Hernandez (testi e disegni)

Casa Editrice: Panini Comics, Panini 9L

Genere: Underground

Provenienza: USA

Prezzo: € 18,00, 19,2 x 23,2, pp. 288, b/n

Data di pubblicazione: maggio 2013

aggiungi al carrello

Nell’ambito del fumetto statunitense c’è stato uno straordinario periodo di rinnovamento creativo che i critici definirono Rinascimento Americano degli anni ottanta, rappresentato da lavori come, tra gli altri, Dark Knight di Frank Miller, Watchmen di Moore/Gibbons, Maus di Art Spiegelman e Cerebus di Dave Sim. E tra essi si deve aggiungere Love and Rockets dei Fratelli Hernandez che per molto tempo fu considerato la quintessenza dei comics indipendenti, diversi dai prodotti mainstream delle major.

Panini Comics sta iniziando a tradurre questo capolavoro e coloro che non hanno mai avuto modo di leggerlo avranno l’opportunità di scoprire una delle opere più incisive e importanti realizzate in America. I fratelli Gilbert, Jaime e Mario Hernandez erano ragazzi che vivevano in California, attratti dai comic-book Marvel, la fantascienza e il punk rock. A un certo punto si divertirono a creare un fumetto intitolato Love and Rockets, ricorrendo all’autoproduzione con la tipica attitudine D.I.Y del punk. Ebbero poi l’idea di inviarne alcune copie al famigerato Gary Groth, temutissimo critico ed editor del Comics Journal. Questi ne fu talmente entusiasta che propose ai fratelli di pubblicarlo con la sua casa editrice Fantagraphics.

Il resto è storia. Nel giro di poco tempo Love and Rockets divenne un cult, vincendo numerosi premi e ottenendo gli elogi di maestri dei comics, a cominciare dal grande Alan Moore. Dopo i primi numeri, però, la testata iniziò a proporre due serial. Il primo, scritto e disegnato da Gilbert, era ambientato nell’immaginaria città di Palomar e imperniato sulle vicissitudini quotidiane dei suoi strampalati abitanti; il secondo, Locas, firmato da Jaime, si concentrava invece su due amiche, occasionalmente amanti, inserite negli ambienti punk losangelini.

LOVE AND ROCKETS COLLECTION PALOMAR 1_1

Il primo volume di Love and Rockets Collection, quindi, dà il via alla saga che negli Stati Uniti ha potuto vantare tredici anni di vita e Panini Comics ha pure programmato la pubblicazione di Locas. Gilbert Hernandez quindi ci presenta la cittadina di Palomar, nel cuore dell’America Centrale. Molti dei personaggi sembrano usciti da un romanzo di Garcìa Màrquez o da una storia di Jodorowski. Vivono esperienze divertenti, comiche, tragiche, strane; amano, soffrono, interagiscono tra loro come qualsiasi altra persona e l’autore ne descrive le psicologie, i sogni, le aspirazioni, i desideri, con profondità encomiabile. Inoltre le atmosfere sono poliedriche: si passa dal dramma alla commedia con elementi farseschi, onirici e visionari che rendono imprevedibile la lettura.

Un altro dettaglio importante dello stile narrativo di Hernandez è costituito dalla scansione temporale non sempre lineare. I flashback, per esempio, sono ricorrenti e servono a far conoscere al lettore aspetti più o meno nascosti dei personaggi o a spiegare le motivazioni di certi comportamenti e le ragioni di singoli avvenimenti. Per esempio, la saga di Palomar, la cui prima sequenza è intitolata Sopa de Gran Pena, incomincia con i protagonisti appena bambini. Ma dopo un paio di episodi li ritroviamo adulti e i particolari dell’infanzia e dell’adolescenza li conosceremo man mano che le storie si dipanano.

Love and Rockets è un’opera corale. I character sono numerosi, i legami molteplici e l’intera saga ha la profondità e la vastità dei romanzi fiume del Realismo Magico. È come se Hernandez avesse voluto narrare una Commedia Umana balzachiana facendosi influenzare dall’immaginario pop e dal cinema di Fellini e Bunuel. Il grande maestro de La Dolce Vita, in effetti, non è una suggestione trascurabile ed è palese nella rappresentazione delle donne. Sono loro infatti le autentiche eroine della serie, giocano un ruolo di primo piano e risultano fondamentali.

LOVE AND ROCKETS COLLECTION PALOMAR 1_2

È il caso della formosa e sensuale Luba, desiderata e concupita da molti, ragazzini compresi; della splendida Pipo la cui bellezza hollywoodiana fa girare la testa a parecchi; o della sensuale Tonantzìn con le gambe considerate le più belle in assoluto dalla popolazione maschile di Palomar. E i maschi dal canto loro sono vitelloni felliniani che vegetano sotto il sole cocente: scioperati, ubriaconi, donnaioli incalliti, alcuni onesti, altri bastardi; tra essi, l’incapace sceriffo che sarà poi sostituito dalla volitiva Chelo; lo sfigurato Vicente; l’irresponsabile playboy Manuel; il tormentato Jesus e così via.

Alla validità dei testi si affianca quella dei disegni. Il tratto di Gilbert è apparentemente grezzo e dimesso ma in realtà espressivo ed episodio dopo episodio diventa sempre più elegante e merito dell’autore è quello di saper visualizzare la quotidianità in maniera convincente, caratterizzando efficacemente i personaggi. È a suo agio nelle sequenze introspettive, nelle situazioni comiche come in quelle erotiche e, tramite un piacevole bianco e nero, compone tavole di notevole fascino. Ci sarebbe ancora molto altro da scrivere su Love and Rockets ma credo di aver reso l’idea. È un’opera imprescindibile e non va assolutamente trascurata.

Voto: 8 ½

Articoli Correlati

Le uscite Planet Manga di Dicembre 2021 sono online sul sito web di Panini. Tra le novità del mese due titoli annunciati nei...

15/10/2021 •

11:41

Il manga di Machito Gomi che adatta Esplorazioni Pokémon è arrivato a conclusione. L’ultimo capitolo di Pocket Monsters:...

15/10/2021 •

08:53

Non sarà vistosamente presente fin dalla prima inquadratura l’iconica colonna sonora che ha caratterizzato i primi due...

15/10/2021 •

08:17