Dellec – Recensione

Pubblicato il 24 Aprile 2012 alle 10:10

GP Publishing propone una sorprendente miniserie targata Aspen Comics dalle atmosfere horror ed esoteriche! Seguite le violente vicissitudini di Dellec tra suggestioni bibliche, omicidi seriali e donne demoniache!

Dellec

Autori: Frank Mastromauro, Vince Hernandez (testi), Micah Gunnell (disegni)

Casa Editrice: GP Publishing

Provenienza: USA

Genere: Horror

Prezzo: € 15,00, 17 x 26, pp. 168, col.

Data di pubblicazione: febbraio 2012

COMPRA DELLEC SU AMAZON


L’immaginario religioso ha sovente influenzato i fumetti americani e gli utenti penseranno subito a Preacher di Garth Ennis. Ovviamente, il trasgressivo serial Vertigo non è l’unico esempio che si potrebbe fare in tal senso, ma si può iniziare il discorso dalle controverse avventure di Jesse Custer per ragionare su Dellec, pubblicato negli Stati Uniti dalla Aspen Comics di Michael Turner e tradotto in italiano da GP Publishing.

Non vorrei essere frainteso, però. Dellec non è un’imitazione di Preacher; tuttavia, tra i due comic-book ci sono analogie: in entrambi Dio riveste un ruolo dominante nella story-line, pur non apparendo direttamente; e, come ho scritto, le ispirazioni bibliche sono rilevanti; e non mancano, inoltre, dettagli horror. Ciò che, invece, differenzia Dellec da Preacher è l’assenza di ironia e di intenti sarcastici e blasfemi.

Scritta da Frank Mastromauro, presidente della Aspen, e da Vince Hernandez, editor in chief dell’etichetta, e disegnata da Micah Gunnell, la miniserie è imperniata sul tormentato Dellec. Chi è costui? E’ un uomo che fa il saldatore, ha una figlia in procinto di andare al college e soffre per la morte della moglie. Apparentemente è un tizio come tanti ma per una serie di circostanze rimane coinvolto in vicende terribili che potrebbero avere a che fare con entità non umane e forse demoniache, considerando che le strade di Dellec incrociano quelle di Tera, ragazza sexy e perversa dotata di strani poteri che ha la pessima abitudine di lasciarsi dietro una scia di cadaveri.

C’è pure un serial killer in circolazione e si verificano avvenimenti che non possono essere spiegati in termini razionali. Che ci sia quindi lo zampino di Satana? Una cospirazione di portata millenaria c’è sicuramente e un sacerdote amico di Dellec, Strayer, ha le risposte che, naturalmente, non saranno scontate. Mastromauro e Hernandez giocano con le ossessioni fondamentaliste di una parte della società statunitense, delineando un’ottima story-line, ricca di suspense e colpi di scena, caratterizzata da un mix di horror e influssi degli action movies (a cominciare dallo stesso Dellec che sembra la versione fumettistica di Bruce Willis); né mancano stilemi supereroici e in alcuni momenti il comic-book mi ha fatto pensare a certe atmosfere del Punitore prima maniera.

Dal punto di vista tematico, Dellec è imperniato sul concetto del determinismo di stampo puritano che permea la mentalità di tanti americani e il finale è inaspettato: quando si arriverà alla soluzione del mistero, infatti, il lettore sperimenterà un totale ribaltamento delle prospettive che mette in discussione i presupposti iniziali della storia. È proprio questo depistaggio, peraltro svolto con un uso abile dei flashback, addirittura con collegamenti a Giuseppe di Arimatea, che mi ha fatto apprezzare l’opera e anticipo che la spiegazione della natura e delle finalità di Dio non lascerà indifferente nessuno. I testi sono ben impostati, con dialoghi di impronta cinematografica, e vanno analizzati attentamente poiché Mastromauro ed Hernandez anticipano in modo sottile molte cose tramite numerose allusioni.

Il tratto di Micah Gunnell, benché grezzo, è efficace e c’è una costruzione della tavola inventiva che a volte rivela influssi orientali. Gunnell si dimostra a suo agio sia nelle sequenze introspettive che in quelle d’azione, rappresentando la violenza nel dettaglio senza scadere nel trash. In poche parole, Dellec è un fumetto da non trascurare e sarà una sorpresa per coloro che lo proveranno. Da segnalare, infine, l’ottima cura dell’edizione italiana.


Voto: 7

Articoli Correlati

Tra le uscite J-POP Manga del 28 febbraio 2024 troviamo un’opera imprescindibile per tutti gli amanti del J-Horror: Dove nasce...

26/02/2024 •

19:00

Giusto in tempo per l’attesissimo film dei Marvel Studios Deadpool & Wolverine di luglio, un nuovo serial team-up dal...

26/02/2024 •

18:30

Ramona Fradon, l’artista di Aquaman che ha co-creato Metamorpho con lo scrittore Bob Haney, è morta all’età di 97...

26/02/2024 •

18:00