Anche l’ultimo episodio della seconda stagione di One-Punch Man, come quello che lo ha preceduto, di cui potete trovare qui la mia recensione, ci ha mostrato una serie di scontri che hanno luogo in posti differenti: da un lato, abbiamo il Torneo di Arti Marziali appena iniziato, in cui sono stati ammessi come partecipanti sia degli Eroi Professionisti che comuni cittadini esperti nella disciplina, mentre dall’altro continua l’attacco degli Esseri Misteriosi per le strade della città, mettendo in difficoltà e in pericolo di vita gli Eroi che stanno cercando di combattere questa terribile minaccia.

A differenza di quanto però è avvenuto nella precedente puntata della serie, però, in questa occasione speciale vedrete come questi due scenari di combattimento, l’uno reale e l’altro meramente dimostrativo e competitivo, si fondano fra di loro, creando, dunque, una situazione di pericolo e di allarme decisamente maggiore.

GENOS COME SAITAMA?

Grandi protagonisti delle battaglie che si stanno svolgendo in città saranno dapprima l’Eroe di Classe S Genos, disciplinato discepolo dell’Eroe di Classe C noto con il nome in codice Mantello Pelato, e le sorelle esper Fubuki, prima classificata della Classe di Eroi B, e Tatsumaki, seconda classificata di Classe S e sorella maggiore della prima ragazza.

Genos si dimostrerà all’altezza degli scontri che lo vedranno come protagonista, anche grazie a un gadget speciale tutto nuovo che l’Oni Cyborg, come hanno iniziato a chiamarlo gli abitanti della città, si è fatto installare di recente: progettato in principio per essere una difesa efficace contro i rapidissimi attacchi alle spalle di Sonic il Supersonico, Genos si vedrà costretto a farvi ricorso anche e per la prima volta non contro il ragazzo ultraveloce, ma contro un Essere Misterioso.

Tuttavia, ONE si prende sempre il tempo per far riflettere, anche se brevemente, i suoi personaggi, contribuendo in questo modo a plasmarne il carattere: a Genos non importa molto usare questo nuovo giocattolino contro un nemico reale, ma non sopporterebbe di farvi ricorso contro Sonic, perché questo significherebbe ammettere che quel ragazzino si muove più rapidamente di lui.

Dunque il suo avversario non sembra preoccuparlo, anzi, al sua presenza disturba la riflessione e la meditazione alle quali Genos si sta abbandonando proprio perché spinto da uno scontro che, però, non è poi così stimolante: che Genos stia iniziando ad assomigliare sempre più al suo Maestro, l’apatico Saitama, in quanto non riesce a trovare avversari alla sua altezza che lo stimolino a dare il meglio di sé e che gli mettano in circolo una buona dose di adrenalina?

L’INSURREZIONE DELLE SORELLE ESPER

Fubuki aveva iniziato a combattere contro un Essere Misterioso davvero sexy, Do-S, chiamata Sadoma nella versione italiana dell’anime, e che ha la capacità di trasformare in propri schiavi tutti coloro che riesce a colpire con la sua frusta. Gggrrrrrrr!

Eppure, il suo attacco sembra non sortire alcun effetto contro Fubuki: la ragazza ha una forza di volontà fuori dal comune, tuttavia sa perfettamente di non essere all’altezza di sua sorella maggiore Tatsumaki, la quale, probabilmente allertata dalla sua percezione psichica delle ferite subite in battaglia da Fubuki, si sta precipitando sul posto a grandissima velocità.

IL FUTURO DEGLI EROI

Dopo aver visto saltare in aria e dare alle fiamme intere porzioni di città, ecco spostarsi l’attenzione verso il Torneo di Arti Marziali, e finalmente potremo vedere Saitama/Charanko combattere su questo prestigioso ring per la prima volta!

Diciamo pure che non è difficile prevederne l’esito, ma c’è qualcosa di più interessante che avviene durante il Torneo, e riguarda lo scontro che vede come protagonisti Sneck, Eroe Professionista ultimo classificato di Classe A, e Suiryu, un artista marziale un po’ sui generis.

Sneck inizia la propria riflessione mentre è già sul ring, un po’ come Genos prima di lui, ed è evidente che i due contendenti sono molto diversi fra loro: Sneck è ormai divenuto insicuro delle proprie capacità via via che gli Esseri Misteriosi divenivano sempre più forti, costringendolo ad ammettere la propria impotenza. Dunque, ora l’uomo non può che chiedersi quale potrebbe essere il futuro degli Eroi Professionisti, se anche fra le persone comuni esistono individui come quello che si sta trovando a fronteggiare in questo momento.

Dall’altro lato, abbiamo invece un personaggio che caratterialmente è l’opposto di Sneck: Suiriyu ha un talento naturale che lo predispone incredibilmente bene alla pratica delle arti marziali, al punto che ammette candidamente di non essersi mai allenato negli ultimi quattro anni (al contrario di Saitama, che invece si è allenato per un anno fino a diventare calvo per raggiungere il suo livello di forza, almeno Stando alle sue parole…).

Il ragazzo è talmente certo della propria vittoria che arriva a chiedere a Sneck se sia così semplice diventare un Eroe Professionista, visto che lui fa parte della Classe A e non è un gran che.

Ma non finisce qui: Suiryu continua a provocare Sneck parlando schiettamente, e gli confida il vero motivo per il quale vorrebbe diventare un Pro Hero: il vil denaro.

Dopo aver assistito a così tante mazzate, poi, ecco concludersi la puntata con l’intrusione all’interno del Torneo di Arti Marziali degli Esseri Misteriosi, ormai del tutto fuori controllo.

La seconda stagione di One-Punch Man è distribuita in simulcast con il Giappone, legalmente e in maniera del tutto gratuita qui in Italia dalla piattaforma online VVVVID.

COMMENTA IL POST