Titans 1×05 – Together | Recensione

Ancora in fuga dal misterioso Culto, l’improbabile gruppo composto da Rachel, Dick, Kory e Gar si prende un momento di pausa per riorganizzarsi ma il pericolo è dietro l’angolo e non solo quello…

Nello scorso episodio di Titans, nel pieno della fuga di Rachel e della disperata ricorsa di Dick e Kory, avevamo fatto la conoscenza di uno strambo gruppo di individui riuniti dal sinistro Chief Caulder – la nostra recensione QUI. Dopo aver strappato proprio Rachel dalla follia di Caulder, ai tre si era aggiunto Gar, capace di mutare forma dopo aver contratto un rarissimo virus.

Inizia così l’episodio di questa settimana intitolato Together con il nuovo gruppo così formatosi cerca di mettere distanza fra se e gli agenti del misterioso Culto che dà la caccia a Rachel, che già una volta aveva dimostrato di poter rintracciare la ragazza con mezzi brutali e poco ortodossi.

Dick decide quindi di prendere in mano la situazione e cercare di capire come questo gruppo nato dalla necessità di sopravvivere possa sfruttare le proprie abilità per difendersi da eventuali nuovi attacchi che non tarderanno ad arrivare ed infatti la disturbante “famiglia” al servizio del Culto è già sulle tracce dei quattro.

I quattro riluttanti alleati inizieranno a conoscersi cercando di capire le motivazioni gli uni degli altri, ovviamente quella che dovrà essere spinta più al limite sarà Rachel ancora in difficoltà nel tenere a bada la sua “parte oscura” mentre il più enigmatico, Dick, attirerà le attenzioni di Kory sotto più di un punto di vista.

Pur per il rotto della cuffia, i quattro riusciranno a respingere l’attacco del Culto e Dick deciderà di andare in fondo alla questione recandosi dal misterioso “capo” e mandante della Famiglia. Il faccia a faccia però lo porterà a fare un inaspettata conoscenza…

Dopo l’episodio della settimana scorsa, vero e propria lettera d’amore all’Universo DC e ai suoi fan più radicali, Titans confeziona finalmente un episodio in grado di rivaleggiare con quello che ad oggi risulta ancora il migliore della serie ovvero il secondo.

Together mette per un momento da parte le citazioni fumettistiche esplicite per concentrarsi sui personaggi. L’interazione fra i quattro protagonisti è pressoché perfetta, baciata anche da una regia semplice ma puntuale, riuscendo a toccare i punti chiave di ogni personaggio – per limitatamente allo spazio sullo schermo e alla versione televisiva più “semplice” rispetto alle loro controparti fumettistiche – che risultano finalmente amalgamati come gruppo di fuggitivi sì ma dimostrando una certa sintonia e comunanza di intenti.

Il punto di forza dell’episodio tuttavia non è strettamente collegato al ritmo della narrazione quanto piuttosto alla tensione che riesce a creare. Se la prima metà dell’episodio viaggia sui binari dell’interazione dei personaggi – che si sforzano di “fidarsi” l’uno dell’altro pur rimanendo sospettosi – la seconda metà subisce una clamorosa impennata impreziosita dalle due scene d’azione in cui la regia si esalta.

Se è pur vero che è ormai è un must realizzare scene di questo tipo in spazi angusti – Kory in corridoio e Dick in una camera di un motel – sarebbe ingiusto non lodare l’ottima regia da un lato e le eccellenti, e soprattutto credibili coreografie, dall’altro. In tal senso anche la rivelazione di Dick come Robin a Rachel e Gar funziona ottimamente così come quella finale che la riprende capovolgendo proprio il ruolo di Dick e strizzando l’occhio ai fan dell’Universo DC di cui sopra.

Titans non ha ancora trovato il suo giusto equilibrio tuttavia episodi come quello di questa settimana mostrano tutte le potenzialità della serie.

Entra nel nostro canale di Telegram. Clicca qui
Loading...