Puntata mozzafiato e ricchissima di azione quella andata in onda ieri, un toccasana per tutti gli appassionati di Le Bizzarre Avventure di JoJo!

Ben sei capitoli del manga originale scritto e illustrato magistralmente da Sua Maestà Hihohiko Araki sono stati usati per la realizzazione di questo episodio ricchissimo di azione, strategie geniali, trovate bizzarre e rivelazioni fondamentali per la corretta comprensione dei meccanismi di funzionamento degli Stand e che sarà mia premura trattare in maniera molto più dettagliata in un articolo speciale apposito, in modo da evitare spoiler brutalissimi in questa più sobria sede. Ma procediamo per gradi.

  • L’unigenito figlio di DIO

Lo scontro con Black Sabbath, lo stand di Polpo, si fa sempre più rischioso per Giorno e il suo Gold Experience: a quanto pare, chiunque abbia visto spegnersi la fiamma sull’accendino dato in custodia da Polpo a Giorno innesca una qualche reazione in Black Sabbath, che si scaglia in un attacco irrefrenabile. A causa di questo, l’uomo che materialmente ha riacceso la fiamma, un anziano custode, è stato attaccato da questo incredibile Stand, che ha un formulario molto preciso: prima di trafiggere le sue vittime, Black Sabbath dice loro che, una volta trafitti, potranno morire oppure vivere, se sono dei prescelti.

Inizialmente non viene spiegato meglio cosa intenda con la parola “prescelti”, ma gli spettatori più attenti che conoscono anche le saghe precedenti di Le Bizzarre Avventure di JoJo avranno già capito di cosa stiamo parlando.

Ora, Giorno è solo contro Black Sabbath, e deve pensare a una strategia efficace per poter evitare di rimanerci secco. Giorno è un ragazzo incredibilmente riflessivo, che analizza nei dettagli tutto ciò che avviene sul suo campo di battaglia e che riflette spesso ad alta voce sul da farsi. Questo suo aspetto lo accomuna molto con il personaggio di Joseph Joestar, probabilmente il più grande stratega della sua famiglia. Ma Giorno non è da meno.

Durante il combattimento, il figlio di DIO scoprirà quali siano i poteri e le caratteristiche dello Stand nemico, e riuscirà ad attuare una serie di mosse e contromosse molto efficaci anche grazie all’aiuto di Koichi, inizialmente convinto che sia stato proprio Giorno a uccidere il custode che in realtà il giovanotto vuole vendicare.

Nome originale Stand: Black Sabbath
  • Un vero Joestar

Nonostante un primo incontro decisamente tumultuoso, Koichi ha avuto modo, in occasione di questo tiratissimo scontro, di conoscere un po’ meglio Giorno Giovanna, il discendente di DIO e dei Joestar per tenere d’occhio il quale Jotaro Kujo lo ha inviato in quel di Napoli. Koichi aggiorna regolarmente il suo amico Jotaro, ma forse non sarà così, questa volta: Giorno ha parlato dei suoi progetti e sogni al suo nuovo amico giapponese, e il modo in cui si è comportato durante il combattimento con Black Sabbath lo stanno inducendo a pensare che, nonostante sia un ladruncolo che mira a diventare una gang star, Giorno sia anche una brava persona.

Nuovamente, torna il tema delle “brave persone”: il motivo per cui Giorno ha chiesto a Bruno Bucciarati di unirsi a lui è stato proprio l’aver intuito che Bruno sia in realtà una “brava persona”, a ennesima dimostrazione di come le persone e il mondo non siano solo bianchi o neri, ma che, al contrario, esistono molte sfumature.

Ma non è il solo fatto che Giorno sia una “brava persona” in sé a convincere Koichi ad aiutare l’italo-giapponese Haruno Shiobana: proprio questa sua caratteristica, infatti, gli riporta alla mente i tre Joestar che ha avuto modo di conoscere di persona, e per lui tanto basta per farlo ricredere su Giorno e appoggiarlo senza ormai più remore. Giorno è un vero Joestar, come dimostrano il sangue nelle sue vene e la bontà delle sue intenzioni.

Le Bizzarre Avventure di JoJo – Vento Aureo è distribuito legalmente e in maniera del tutto gratuita qui in Italia dalla piattaforma online VVVVID.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui