Riverdale 2×21 – Judgment Night | Recensione

Pubblicato il 12 Maggio 2018 alle 15:00

The streets are rioting…

Avevamo lasciato Riverdale la scorsa settimana – la nostra recensione dell’episodio qui – con un intenso cliffhanger: Fangs era stato colpito da un colpo di pistola all’addome partito dalla pistola di Reggie! Facciamo un piccolo passo indietro: la città era piombata nel caso dopo che le tensione socio-politiche si erano inasprite con il ritorno del Black Hood e con l’omicidio della povera Midge. Proprio Fangs era stato accusato ed arrestato come colpevole, salvo poi essere rilasciato. Questo aveva scatenato l’ira della cittadinanza che si era assemblata fuori dalla stazione di polizia dove Reggie, sobillato da Hiram Lodge, si era presentato con una pistola per farsi giustizia da solo. Intanto proprio il Black Hood aveva fatto visita a Cheryl…

L’episodio di questa settimana – intitolato Judgment Night – riparte proprio dalla scorsa in ospedale per salvare Fangs e dagli ormai incontrollabili disordini per le strade di Riverdale e dalla fuga di Cheryl dal killer. Mentre si scatena la caccia all’uomo – Reggie – Archie e Jughead si tengono in contatto cercando di tenere calme le rispettive parti ma moltissima benzina verrà aggiunta alla polveriera che è la città: fanno la loro ricomparsa i Ghoulies in cerca di vendetta contro i Serpents e capeggiati da Penny Peabody – l’avvocatessa corrotta che aveva aiutato Jug ad inizio stagione – mentre il figlio di Poppa Poutine vuole vendicarsi di Hiram.

Fred Andrews intanto viene di nuovo attaccato dal Black Hood ma questa volta, per puro caso, riesce a salvarsi. Betty riesce finalmente ad avere il confronto con il padre che confessa di essere il Black Hood! Archie e Betty si confrontano sulla rivelazione scoprendo che la persona che poco prima aveva attaccato il padre doveva essere un imitatore.

Veronica scopre, anche lei per caso, il vero responsabile del ferimento di Fangs ma anche che il padre serba un perfido piano d’emergenza per screditare Fred, rivelare della tresca passata con la moglie Hermione!

Jughead inizia ad incastrare le complesse tessere del puzzle capendo che dietro tutti i disordini e al ritorno dei Ghoulies c’è proprio Hiram Lodge… il confronto sarà tragico.

Judgment Night è un episodio densissimo e frenetico che, ad appena 45 minuti dalla conclusione di questa seconda stagione, capitalizza benissimo la tensione sociale che showrunner e sceneggiatori hanno alimentato durante tutta la stagione.

Seguendo sostanzialmente in maniera parallela i 4 protagonisti principali, e all’occorrenza facendo intersecare i loro punti di visti, l’episodio offre un quadro generale della situazione disperata in cui versa Riverdale mai come ora vero e proprio territorio di caccia per un Hiram Lodge i cui piani sembrerebbero necessitare di alcune piccole correzioni.

Se la rivelazione del Black Hood – anticipata magistralmente negli ultimi due, tre episodi – avviene in maniera organica ma meno sorprendente di quanto ci si potesse aspettare, l’episodio vive di una regia vibrante e di una serie di citazioni davvero azzeccate – da I Guerrieri della Notte a Il Cavaliere Oscuro – e il cui climax viene affidato a Jughead e al suo “sacrificio”.

Rimane ancora un pizzico di mistero – chi ha aggredito davvero Fred Andrews? – ma a giudicare dal finale di questo episodio ci attende un finale di stagione che sì chiuderà alcune trame ma sicuramente capitalizzerà su altre con un cliffhanger che ci rimanderà all’autunno!

Articoli Correlati

Dragon Ball Super: Super Hero si avvia ormai verso il sul secondo mese di programmazione nelle sale nipponiche, intanto che si...

04/08/2022 •

14:00

Kaiju No.8 è sicuramente una delle rivelazioni più importanti in ambito manga negli ultimi tempi, dato che in un breve lasso di...

04/08/2022 •

13:00

Il nuovo capitolo di One-Punch Man ha ufficialmente concluso uno degli archi narrativi più importanti di sempre. Stiamo parlando...

04/08/2022 •

12:00