Riverdale 2×11 – The Wrestler | Recensioni

0
Discesa nell’oscurità…

Dopo aver chiuso – definitivamente? – la trama relativa al killer Black Hood, Riverdale ha dovuto impiegare qualche episodio per recuperare terreno e costruire un nuovo scenario, non senza qualche passaggio meno convincente del solito, in cui al centro vi è la sempre più crescente tensione fra la parte nord e quella sud della città come evidenziato nello scorso episodio – la nostra recensione qui.

Pur ben confezionati questi ultimi episodi mancavano di quel focus sui personaggi tali da renderli pro-attivi nei confronti delle situazioni anziché meri spettatori passivi degli stravolgimenti che stavano investendo Riverdale. Con l’episodio di questa settimana intitolato The Wrestler la situazione viene finalmente sbloccata e si ritorna a rivolgere l’attenzione sui quattro protagonisti principali con un interessante comune denominatore che viene svelato con sagacia nel corso dell’episodio.

Archie è pressato dall’FBI affinché trovi prove per incastrare Hiram Lodge, il padre di Veronica, per farlo tuttavia dovrà entrare nelle sue grazie e superare la diffidenza dell’uomo che oltre essere molto, molto protettivo, ritiene Archie non all’altezza della figlia anche perché non ha dimenticato il flirt della moglie con il padre del ragazzo.

Betty intanto cerca di recuperare il rapporto con Chich, il fratello perduto ritrovato lo scorso episodio, scoprendo però come il ragazzo si procurasse di che vivere con incontri pochi raccomandabili via internet.

Sullo sfondo delle vicende, Riverdale si prepara per l’annuale celebrazione per il suo fondatore con Veronica in prima linea, ormai perfettamente in sintonia con le mire espansionistiche dei genitore, mentre Jughead scopre un terribile segreto sulla fondazione della città che decide di rendere pubblico senza però chiedere il permesso alla fonte di queste notizie ovvero il nonno di Toni Topaz appartenente alla tribù indiana a cui fu rubata la terra dove poi sorse la stessa città.

The Wrestler è un episodio denso ma che grazie ad una sapiente regia, sempre puntuale e baciata da un ritmo invidibile, riesce ad amalgamare i vari “punti” di vista dei personaggi in un mosaico ben assortito in cui il minimo comun denominatore è la scoperta da parte di Archie, Betty, Veronica e Jug del loro lato più oscuro.

Archie pur di impressionare il Hiram, e chiudere l’indagine dell’FBI, decide di cimentarsi con il wrestling, passione del padre di Veronica, scoprendo il suo carattere competitivo ed un orgoglio che più volte nel corso dell’episodio fanno salire la tensione degli scontri verbali proprio con l’uomo – ottima l’alchimia fra l’altro fra i due interpreti.

Che Chic nascondesse qualcosa di oscuro lo si era già intuito alla fine del precedente episodio tuttavia anziché configurarsi come semplice “cattivo” il personaggio mostra un certe ascendente oscuro su Betty la cui anima oscura si era intravista soprattutto nella prima stagione. Jughead è invece ossessionato dal cercare giustizia e poco importa se a farne le spese sono le persone che lo circondano così come Veronica, dopo una violenta litigata con Josie, realizza che gli “affari di famiglia” sono più importanti anche dell’amicizia.

The Wrestler convince perché offre un inedito punto di vista sui protagonisti, offrendone anche un approfondimento psicologico sicuramente inusuale e che potrà sicuramente offrire nei prossimi episodi sviluppi altrettanto interessanti quando questi “lati oscuri” dovranno per forza di cose scontrarsi.

Ruba la scena Hiram Lodge che dopo essere stato introdotto alla fine della prima stagione ed essersi mosso nelle zone d’ombra della prima parte di questa seconda stagione si candida come vero “cattivo” di questa seconda parte di stagione in maniera decisa e coriacea.

 

telegra_promo_mangaforever_2