Un ritorno che strappa più di qualche risata per i nerd più amati della tv, ma che soffre il tempo che passa e soprattutto sempre le solite dinamiche amorose.

The Big Bang Theory oramai da un paio d’anni non fa più ridere come una volta, non ha più la stessa freschezza e originalità degli esordi. Non da quando, come molti sostengono, sono arrivate le ragazze nella vita dei nerd, poiché quello era l’espediente narrativo perfetto per scombussolare ancor di più gli equilibri di gruppo dei protagonisti maschili e soprattutto farli crescere. Che non vuol dire necessariamente maturare, ma semplicemente evolvere. Se c’è una cosa che Friends ha insegnato al mondo delle sitcom è che per farne una che davvero resti nel cuore degli spettatori col procedere delle stagioni devi prendere un personaggio-tipo e farlo crescere col pubblico, in modo che ad ogni maggio non veda l’ora sia autunno per scoprire come proseguiranno la sua storia e il suo percorso.

The Big Bang Theory oramai ha 11 anni sulle spalle ma non è solo per questo che inizia a risentire della propria età. Risente piuttosto delle dinamiche romantiche che hanno preso quasi del tutto il controllo della trama a dispetto delle risate e delle vicissitudini nerd dei protagonisti. Certo, lo scorso anno c’è stato il progetto per l’esercito americano top secret, ma ora? La premiere della dodicesima stagione, intitolata guarda un po’ “The Proposal Proposal” (quasi a confermare la concentrazione romantica narrativa di cui abbiamo appena parlato) verte tutta sui plot twist amorosi delle vite di Sheldon e Amy, Howard e Bernadette, Leonard e Penny… lasciando il povero Raji per l’ennesima volta da solo, eterno single del gruppo.

Sheldon aveva sorpreso gli spettatori quando, dopo essere stato baciato da un’altra, era volato dall’altra parte della costa degli Stati Uniti per andare da Amy, che aveva avuto un’offerta di lavoro per l’estate a Princeton. In ginocchio, le ha chiesto di sposarla perché ha capito che non vuole nessun’altra donna al proprio fianco per il resto della sua vita. Un vero colpo di scena? Opinabile, dato che già due anni fa eravamo stati “sorpresi” con un accenno di proposta (mai avvenuta, lui aveva solo pronto l’anello di famiglia): quello sì che era proprio un cliffhanger tirato fuori dal cilindro senza un senso compiuto e solamente per creare suspense.

Nel progetto di far finire la sitcom di CBS, che ancora fa ascolti altissimi, con la dodicesima stagione (già ordinata), mettere le basi già all’inizio dell’undicesima per l'”accasamento” e la “normalizzazione” di Sheldon, pur rimanendo sempre Sheldon, lascia un po’ perplessi; o meglio, lascia il tempo che trova. Ora infatti lui e Amy si fidanzano ufficialmente, e nel giro di pochi fotogrammi scopriamo che Bernadette è di nuovo incinta. Un altro plot twist puramente amoroso. E Raji è geloso dell’ “accoppiamento” di tutti i suoi amici, perfino di Stuart, che ha un appuntamento.

E’ come se The Big Bang Theory avesse raggiunto una sua comfort zone a livello narrativo e non volesse più di tanto spostare l’asticella da quel frangente, così finge di scombussolare le vite dei protagonisti per poi tornare allo status quo poco dopo. Che sono le caratteristiche di una sitcom, ma non di una che ha dimostrato di voler evolversi e rimanere ricordata negli annali della televisione.

telegra_promo_mangaforever_2