Mad Men: 10 anni fa andava in onda il primo episodio della serie cult

0
Durata sette stagioni, la serie TV viene celebrata in un’infografica.

“Fumo negli occhi” (“Smoke Gets in Your Eyes”) è il titolo della series premiere di Mad Men, la serie tv di AMC che, insieme a Breaking Bad, ha fatto la fortuna del canale via cavo statunitense. 10 anni fa, il 19 luglio 2007 andava in onda per la prima volta negli Usa – in Italia accadrà qualche mese dopo, il 18 marzo 2008 sull’ex canale di Sky, Cult – lo speciale episodio che presentava al pubblico il mondo di Don Draper (Jon Hamm).

Un mondo, quello dei pubblicitari di New York negli anni ’60, bellissimo, glamour, stilosissimo e allo stesso tempo sessista e spietato, in cui solo i più forti sopravvivono. Un universo dipinto meravigliosamente da Matthew Weiner, che ha utilizzato ambientazione ed epoca come specchio per raccontare i grandi cambiamenti avvenuti nella società americana durante quel decennio. Fotografia e regia non sono mai state così importanti per mostrare al pubblico un mondo, tanto quanto la sceneggiatura che lo narra.

 

Jon Hamm grazie al serial e al ruolo divenne un sex symbol per l’audience femminile e fonte d’ammirazione per gli spettatori uomini, con tutte le sue sfaccettature e il suo essere sempre impeccabile. E’ anche per questo che il ruolo che ha parallelamente interpretato in 30 Rock in quegli anni ha dimostrato non solo la sua versatilità attoriale ma anche il saper “fare il verso” al suo Don Draper. Altrettanta fortuna ebbero, tra i tanti attori dello show, i volti femminili: la moglie sottomessa Betty Draper (January Jones), la timida ma pragmatica e ambiziosa segretaria Peggy Olson (Elizabeth Moss) e la segretaria scaltra e piena d’esperienza Joan Holloway (la bellissima Christina Hendricks, divenuta un modello femminile di bellezza e intelligenza).

In Italia la serie è stata trasmessa prima da Cult poi, alla chiusura del canale, da FX, poi alla chiusura anche di questo da Rai4 e TIMvision. 92 episodi, 7 stagioni, l’ultima divisa in due parti, “The Beginning” e “The End of an Era”, per sfruttare il successo come era stato fatto per Breaking Bad. Ora Weiner è al lavoro su una serie per Amazon, The Romanoffs.

Vi lasciamo alla splendida sigla di apertura, che tanto fece parlare di se per quanto era iconica e rappresentativa del mondo e dei personaggi che andava a raccontare, e alla sua “parodia” nella versione de I Simpson.

telegra_promo_mangaforever_2