7 Manga proibiti nel mondo

4
Nudità, violenza, ma anche istigazione al gioco d’azzardo e blasfemia. Diversi i motivi per cui questi manga sono stati banditi dalle biblioteche o addirittura da intere nazioni.

Ancora nel 2015, in varie parti del mondo, fumetti sono rimossi dalle biblioteche (negli USA c’è la classifica annuale dei più “maledetti”), dalle librerie (si pensi al recente caso di Maus in Russia) o, in casi estremi e fortunatamente in non molti paesi, la vendita e il possesso ne è proibito pena il carcere.

Lynzee Lamb, di Anime News Network, ha stilato per il suo sito un elenco di 7 manga che sono andati incontro a questa sorte per i più svariati motivi. Ve la proponiamo nelle prossime pagine.

POKÉMON, IN ARABIA SAUDITA

pocket monster pokémon xy anime home

Tutte le incarnazioni dei mostriciattoli tascabili sono bandite nella penisola araba dal 2001. Motivo principale la presenza di simboli e nomi “Sionisti”, che sono valsi ai pokémon una fatwa dalle autorità religiose locali. Un’altra accusa mossa a Pikachu e compagni, e specialmente alle popolarissime carte collezionabili, fu quella di “promuovere il gioco d’azzardo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui