Spider-Man – L’Uomo Ragno 600 – Recensione

Pubblicato il 10 Settembre 2013 alle 11:00

La principale testata Panini dedicata a Spider-Man festeggia le seicento uscite pubblicando il tanto discusso Amazing Spider-Man 700, nel quale assisteremo all’ultimo scontro tra il Tessiragnatele e dott. Octopus ! Firme di Dan Slott e Humberto Ramos. Inoltre, una storia speciale scritta da J.M. DeMatteis e disegnata da Giuseppe Camuncoli e Sal Buscema !

spider-man 600 recensioneAmazing Spider-Man n.600

Autori: Dan Slott, Humberto Ramos, J.M. DeMatteis, Giuseppe Camuncoli

Casa editrice: Panini Comics

Provenienza: Stati Uniti, 17×26, S., 80 pp., col.

Genere: Supereroistico

Prezzo: 3,30 euro; 5,00 euro (fx variant); 29,90 euro (variant con cofanetto)

Anno di pubblicazione in Italia: 2013

aggiungi al carrello


Questo Amazing Spider-Man 600 della Panini è senza dubbio un numero storico, per svariati motivi. Innanzitutto è riuscito a far coincidere due traguardi davvero ragguardevoli per una serie a fumetti, che riguardano sia la testata italica che quella originale americana. Nel nostro Paese infatti il Tessiragnatele è riuscito a raggiungere le seicento uscite, mentre negli USA l’omonima serie è arrivata a quota settecento.

Aggiungiamo anche il fatto che questi due numeri segnano la fine della testata così come la conosciamo, visto che dal prossimo mese si trasformerà in The Superior Spider-Man, con una nuova numerazione. Si tratta quindi di un cambiamento epocale, che rivoluzionerà completamente il personaggio e gli farà intraprendere strade nuove e inaspettate….

La valenza storica di questo numero è quindi fuori discussione, ma non possiamo dire altrettanto a proposito dei contenuti, che invece hanno sollevato parecchie polemiche e pareri contrastanti tra gli appassionati. Chi segue l’alter ego di Peter Parker da diversi anni è purtroppo abituato a forti scossoni narrativi, spesso forzati e molto discutibili, che di tanto in tanto stravolgono la vita del nostro eroe e il suo status quo, con conseguenze non sempre coerenti o azzeccate. Un esempio su tutti è la famigerata Saga del Clone, lunghissima e costellata da una girandola di colpi di scena tanto roboanti quanto bizzarri e contraddittori, così come la più recente One More Day, che con un colpo di spugna ha cancellato il matrimonio tra Peter e Mary Jane. Insomma, quando gli sceneggiatori decidono di accanirsi sul povero Spidey non ci vanno certo leggeri, causando l’ira funesta dei fan, che ogni volta minacciano l’abbandono in massa della serie….

Spidey vs Ock_asm700

Anche stavolta, ahimè, ci troviamo di fronte all’ennesimo stravolgimento, che segna il culmine della gestione dell’amato/odiato scrittore Dan Slott, già da diversi anni alle redini della testata principale del Ragno. Desiderio di morte è lo story-arc finale di The Amazing Spider-Man, che porta in scena lo scontro definitivo tra l’eroe e un villain storico come Dott. Octopus, che ha messo in atto uno dei suoi piani più diabolici e mortali.

Credo di non rovinare la sorpresa a nessuno se svelo che il folle Octavius, ormai in punto di morte, è riuscito a trasferire la sua mente dentro al corpo di Peter Parker, grazie a uno dei suoi piccoli “octobot”, mentre il povero Peter si è ritrovato prigioniero dentro il corpo putrescente e in fin di vita del suo nemico. Si tratta infatti di un colpo di scena rivelato già due numeri fa e purtroppo spoilerato un po’ ovunque sia in rete che sui giornali, sin da quando è stato pubblicato in America, e su cui si sono già scritti fiumi e fiumi di parole….

Io sono Spider-Man Spider-Man. Season one La morte di Jean Dewolff. Spider-Man

Il numero 700 è incentrato, sostanzialmente, sul disperato tentativo di Peter/Octopus d’invertire il processo e riappropriarsi del suo corpo, anche se ovviamente non sarà affatto facile. Adesso infatti il geniale e malefico dottore potrà contare su un fisico giovane e dotato delle capacità proporzionali di un ragno, mentre Peter dovrà ingegnarsi come meglio potrà, dentro un corpo deperito, a cui restano solo poche ore di vita.

Peter-Ben_asm700

Slott come al solito riesce a confezionare una trama serrata e avvincente, senza farsi mancare anche qualche rimando al passato, tipico di un numero celebrativo, con l’immancabile zio Ben ma anche tante altre facce conosciute, che specialmente i fan di vecchia data non avranno problemi a individuare. Ciò che invece lascia veramente perplessi sono le ultime pagine, ovvero il finale vero e proprio della storia…

E’ ovvio che in questa recensione non posso concedermi analisi troppo approfondite, per evidenti problemi di spoiler, ma mi limiterò ad affermare che alla fine della battaglia ci saranno alcune decisioni e fantomatiche “prese di coscienza” fin troppo affrettate e poco credibili, che rischiano di snaturare ben due personaggi in un colpo solo. Se si voleva stravolgere il protagonista, tanto valeva farlo fino in fondo e intraprendere una rotta precisa, anziché optare per una via di mezzo che non accontenta nessuno e ha veramente poco senso….

A questo punto, tutto dipende da come Slott avrà intenzione di gestire e far evolvere il personaggio. Se lo farà in maniera intelligente e rispettosa del passato, allora potrebbe anche venir fuori qualcosa di buono e originale, altrimenti ci ritroveremo semplicemente a leggere le avventure di uno Spider-Man non “superiore”, ma farlocco e privo di un’identità ben definita.

SpideyOck_asm700

I più nostalgici, comunque, in questo numero potranno godersi anche un’altra storia molto particolare, scritta da uno dei più grandi autori del Ragno degli anni Ottanta/Novanta, vale a dire J.M. DeMatteis, qui insieme ad un disegnatore altrettanto storico come Sal Buscema, che però si limita a ripassare le tavole di un sempre più bravo Giuseppe Camuncoli, ormai disegnatore fisso dell’Arrampicamuri insieme a Humberto Ramos, a cui invece è spettata la storia principale.

Da segnalare, infine, le ben otto cover variant che la Panini ha fatto uscire per festeggiare l’evento, oltre a un cofanetto da collezione per contenerle, ma anche una bella gallery all’interno dell’albo con tutte le settecento copertine originali di The Amazing Spider-Man, ovviamente rimpicciolite.  Un bel regalo per tutti gli appassionati del Ragno, che va a suggellare un traguardo indubbiamente importante, anche se ci auguriamo di ritrovare quanto prima lo Spider-Man di una volta, a cui tutti ci siamo affezionati. Quello normal, tanto per intendersi…..


Voto: 6,5

Io sono Spider-Man Spider-Man. Season one La morte di Jean Dewolff. Spider-Man

Articoli Correlati

La gestione di Nightwing firmata da Tom Taylor e Bruno Redondo, vincitrice di un Eisner Award come miglior serie regolare e...

19/02/2024 •

18:45

Tra le uscite J-POP Manga del 21 febbraio 2024 troviamo l’adattamento manga de L’Orrore di Dunwich, uno dei racconti più...

19/02/2024 •

18:00

Tra le uscite manga Star Comics del 20 febbraio 2024 troviamo alcuni dei più grandi successi della casa editrice, come Detective...

19/02/2024 •

17:15