Hayao Miyazaki

Lo Studio Ghibli ha recentemente dato ai fans la possibilità di vedere alcuni scatti “dietro le quinte” di Hayao Miyazaki al lavoro, mostrando sul suo canale Twitter ufficiale come l’autore lavora diligentemente nella creazione dei suoi racconti senza tempo.

Ecco i due scatti:

Hayao Miyazaki Hayao Miyazaki

Hayao Miyazaki e lo Studio Gibli

Hayao Miyazaki, che lo scorso gennaio ha compiuto ottant’anni, è una vera leggenda nel mondo dell’animazione giapponese. Con una carriera durata cinquant’anni, Miyazaki è col tempo divenuto l’esponente dell’animazione giapponese più conosciuto all’estero. Il suo nome è inoltre intimamente legato a quello dello Studio Ghibli, studio cinematografico d’animazione da lui fondato nel 1985 insieme al collega e mentore Isao Takahata ed oggi ritenuto uno dei più importanti del settore.

Tra i film più importanti da lui creati ci sono Il mio vicino Totoro (1988), Il castello errante di Howl (2004), Porco Rosso (1992), La città incantata (2001) e si Alza il vento (2013). Raggiunto il traguardo di ottant’anni, il regista ha annunciato un nuovo film, già in cantiere da tre anni, intitolato How do you live? (Kimi-tachi wa Do Ikiru ka). Il film doveva essere distribuito alle Olimpiadi di Tokyo del 2020, ma è stato posticipato a causa del COVID-19. Nessuna versione ufficiale data da allora è stata annunciata.

Studio Ghibli ha recentemente annunciato che il nuovo film di Goro Miyazaki, figlio del maestro Hayao noto per I Racconti di Terramare e La Collina dei Papaveri, sarà Aya to Majo, ovvero la trasposizione del romanzo Earwig e la strega di Diana Wynne Jones (Il Castello Errante di Howl).

Si tratta del primo film animato completamente in computer grafica 3D dello studio e debutterà questo Inverno sulla rete NHK General.

Hayao Miyazaki ha curato la pianificazione e lo sviluppo del film, Toshio Suzuki la produzione.

Acquista Il castello errante di Howl

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui