È morto a Roma Gigi Proietti. L’amato attore e doppiatore proprio oggi, 2 novembre 2020, avrebbe festeggiato 80 anni. Era ricoverato da alcuni giorni in una clinica romana per accertamenti, e ieri è stato colpito ieri da un grave scompenso cardiaco. Subito le condizioni in cui versava si erano dimostrate gravi, tanto da far andare in apprensione i fan in tutta Italia.

Durante la sua carriera lunga oltre 50 anni ha spaziato dal cinema al teatro, dalla tv al doppiaggio, senza mai perdere il suo piglio adorabile, caciarone e “paterno”. Pochi giorni fa ci lasciava un altro attore altrettanto amato e dalla lunga carriera, questa volta a livello internazionale, Sean Connery.

Come ha dichiarato la famiglia di Proietti:

“Nelle prime ore del mattino è venuto a mancare all’affetto della sua famiglia Gigi Proietti. Ne danno l’annuncio Sagitta, Susanna e Carlotta. Nelle prossime ore daremo comunicazione sulle esequie”.

RIP Gigi Proietti – dalla tv al teatro al cinema

Gigi Proietti, classe 1940, all’anagrafe Luigi Proietti. Faceva parte di quella cerchia di artisti di formazione teatrale, campo nel quale ha mietuto notevole successo sin dagli inizi degli anni ’60. Noto per le sue doti di affabulatore e trasformista, era considerato uno dei massimi esponenti della storia del teatro italiano; nel 1963 grazie a Giancarlo Cobelli esordì nel Can Can degli italiani, per poi interpretare senza sosta numerosi spettacoli teatrali sino a A me gli occhi, please, esempio di teatro-grafia che segnò uno spartiacque nel modo di intendere il teatro, e al quale seguiranno numerosissime repliche anche con nuove versioni nel 1993, nel 1996, e nel 2000, attraversando i più importanti teatri italiani. Lo spettacolo segnò un record di oltre 500 000 presenze al Teatro Olimpico di Roma.

Nonostante il sodalizio con il cinema non abbia spesso dato i frutti sperati, ha raggiunto la consacrazione cinematografica nel 1976 con il celebre Febbre da cavallo, nel ruolo dell’incallito scommettitore Mandrake, che con il passare degli anni è divenuto un vero e proprio film di culto, che ha ripreso nel 2002 con Febbre da cavallo – La Mandrakata iniziando un forte sodalizio con i fratelli Carlo ed Enrico Vanzina.

A partire dagli anni ’90, parallelamente al successo ottenuto in teatro, è stato protagonista di svariate serie televisive di successo, prima fra tutte la serie RAI Il maresciallo Rocca iniziata nel 1996 e divenuta una delle serialità di maggior audience della televisione italiana, spianandogli inaspettatamente la strada verso una vera e propria seconda giovinezza. Sempre per la RAI ha interpretato altri ruoli, ultimo e apprezzato lo stravagante giornalista Bruno Palmieri in Una pallottola nel cuore.

Ha avuto anche esperienze come cantante, facendo parte del gruppo musicale Trio Melody, insieme a Stefano Palatresi e Peppino di Capri, oltre che come poeta e scrittore. Nel 2017, a vent’anni dall’ultima esperienza, è tornato in televisione come protagonista assoluto del programma Cavalli di battaglia, tratto dall’omonima tournée celebrativa dei suoi 50 anni di carriera. Tanti anche i celebri ruoli come doppiatori, dal Genio di Aladdin al drago in Dragonheart.

Recuperate Febbre da cavallo con Gigi Proietti in DVD!!

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui