Black Mirror: poster spagnoli ci ricordano che viviamo la distopia

Una possibile sesta stagione è attesa dai fan sul colosso dello streaming.

0

Una possibile sesta stagione di Black Mirror non è ancora in produzione per Netflix poiché come ha detto lo stesso creatore Charlie Brooker, qualche giorno fa, “stiamo già vivendo un periodo particolarmente difficile e credo nessuno voglia vedere storie che potrebbero mettere angoscia. Piuttosto sto esplorando il mio talento comico, per far sorridere, in alcune sceneggiature” riferendosi alla pandemia in corso.

In Spagna allora la Brother Ad ha ben pensato, per ingannare l’attesa, di mettere dei particolari specchi per strada in modo che le persone facendosi i selfie e condividendoli, ricordassero come stiamo già vivendo un mondo à là Black Mirror. La frase sui cartelloni infatti recita: “La sesta stagione, vivila ora, ovunque“. Le foto hanno velocemente fatto il giro del mondo.

Black Mirror è una serie antologica che attinge al disagio collettivo nei confronti del mondo moderno. Ogni episodio è una storia a sé, provocatoria e carica di suspense, su temi che riguardano la tecno-paranoia contemporanea.

Senza ombra di dubbio, la tecnologia ha trasformato tutti gli aspetti della nostra vita. In ogni abitazione, su ogni scrivania, in ogni mano c’è uno schermo al plasma, un monitor o uno smartphone: uno specchio nero, un “black mirror” su cui si riflette la nostra esistenza nel XXI secolo. La serie è creata e scritta da Charlie Brooker, mentre lo stesso Brooker e Annabel Jones ne sono i produttori esecutivi.

Recuperate “Black mirror. Distopia e antropologia digitale”

telegra_promo_mangaforever_2

COMMENTA IL POST