Entertainment Weekly mostra nuove immagini tratte dal live-action di Aladdin

Un musical Disney su un ladruncolo che fa amicizia con un genio e si innamora di una principessa non è una premessa che viene in mente quando si pensa a Guy Ritchie, noto soprattutto per i suoi film di genere thriller. Ma il regista inglese crede di poter dire la sua con questo remake, che si è guadagnato anche la copertina di EW.

“Le mie capacità ed esperienza potrebbero aggiungere abbastanza per renderlo fresco e degno, ma non così tanto da spazzare via la nostalgia”, ha detto Ritchie a EW, “…fare un film per bambini è stato molto allettante per me”.

Sostituire Robin Williams non è stato un compito facile, quindi Will Smith non si concede una pausa; ma piuttosto che cercare di creare un personaggio simile, Smith e il regista Guy Ritchie hanno cercato di costruire il loro nuovo Genio da zero, infondendo la personalità contagiosa dell’attore nel personaggio, quel fascino di Will Smith che ha portato un dirigente della Disney a elogiare questo nuovo Genio, definendolo “in parte Principe di Bel Air, in parte Hitch”.

Ritchie ha spiegato che mettere la personalità di Smith nel Genio era necessaria per separarlo dalla brillante esibizione che Williams aveva dato nel classico del 1992. Per quanto riguarda Smith, assumere il ruolo era piuttosto scoraggiante, ma lo ha fatto nell’unico modo in cui sapeva, traendo l’ispirazione dai suoi ruoli precedenti. “Ogni volta che stai facendo cose iconiche, è sempre terrificante”, ha detto Smith. “La domanda è sempre: c’è carne lasciata sull’osso? Robin non ne ha lasciato molta con il personaggio”…”[Ha] infuso il personaggio con una versione senza tempo di se stesso. Ma ho iniziato a sentirmi sicuro di poter offrire qualcosa che fosse un omaggio a Robin Williams, ma che fosse musicalmente diverso”. “Penso che risulterà unico anche nel mondo Disney”, ha aggiunto Smith. “Non c’è stato molto gusto hip-hop nella storia di Disney”.

Ritchie ha continuato a fornire una breve descrizione di questo nuovo genio, dal momento che una foto può dire molto. “Mi piace il fatto che il nostro Genio abbia un ego ed è un po’ vanitoso e si preoccupa di come si presenta perchè lo fa da molto tempo”. La vanità del Genio è frontale e centrale nella prima scena del personaggio sullo schermo. Quando Aladdin arriva nella Caverna delle Meraviglie, e sfrega la lampada per la prima volta, Genio appare dalla sua prigionia solo per essere sorpreso quando Aladdin non lo riconosce: “Davvero non sai chi sono?” Chiede Genio “Genio… desideri… lampada? Niente di tutto ciò ti suona familiare? Wow, questo è il primo”.

Aladdin è un film del 2019, co-scritto e diretto da Guy Ritchie e tra gli altri interpretato da Mena Massoud, Naomi Scott, Will Smith e Marwan Kenzari.

La pellicola live-action trae spunto dal film Aladdin e come esso si ispira alle celebri novelle orientali Le mille e una notte.

Arriverà in Italia il 22 maggio 2019.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui