The Promised Neverland: l’autore Kaiu Shirai svela quando vorrebbe finire il manga

Il manga The Promised Neverland vanta, ad oggi, 10 volumi e lo sceneggiatore dell’opera, Kaiu Shirai, svela quanti ancora, approssimativamente, gradirebbe realizzarne.

Per promuovere l’edizione francese di The Promised Neverland, il manga scritto da Kaiu Shirai e disegnato da Posuka Demizu attraverso le pagine di Weekly Shonen Jump (Shueisha), gli autori giapponesi del manga rivelazione edito in Italia da J-POP (4 volumetti al momento disponibili per l’acquisto) hanno parlato delle loro origini e come si sono avvicinati alla rivista settimanale, delle stesse origini di The Promised Neverland e come era stato concepito, del loro modus operandi a lavoro, dei personaggi e anche del futuro della serie.

In particolare, ai microfoni di FranceInfo, a prendere la parola sul futuro del manga è stato lo sceneggiatore e vera mente della storia parlando per l’appunto sul finale.

Quando gli è stato chiesto fino a quando gli autori hanno intenzione di lavorare sulla storia, l’autore Kaiu Shirai si è sbottonato dichiarando delle tempistiche, fra l’altro neanche troppo longeve considerando quelle della rivista Shonen Jump. Ecco le parole di Shirai nel dettaglio:

La storia originale di base si estendeva fino alla fuga dei bambini dall’orfanotrofio Grace Field House. Personalmente mi piacerebbe, in accordo con il mio editore, che la storia non si estendesse troppo. Prevedo venti o trenta volumi ancora per il manga“.

Il manga, in Giappone, è stato per ora raccolto in 10 volumi, pertanto la fine non sarebbe poi così lontana, considerando gli standard delle opere di Weekly Shonen Jump. Tuttavia, proprio perchè è un’opera settimanale, gli autori non sempre riescono a raccogliere tutto ciò che scrivono al fine di regalare un finale degno di un bellissimo ricordo, come lo è la storia in sè. A volte l’introduzione di una pluralità di sottotrame, di personaggi e di situazioni costringono gli autori ad estendere di più la durata del loro manga, tradendo, così, i piani originali.

Per ora, pertanto, l’autore ha confermato che vorrebbe un finale tra una decina o ventina di volumi, ma non è detto che sarà un piano impeccabile.

Non ci resta che seguire le avventure di Emma e compagni per scoprirlo.

In Italia il manga è edito da J-POP e il quarto volume è disponibile per l’acquisto. Cliccate qui per leggere la nostra recensione del primo volume e qui del secondo.

Emma, Norman e Ray vivono felici fin dalla nascita in un orfanotrofio circondato da un fitto bosco, accuditi da un’amorevole “mamma”. La loro illusione di normalità va in pezzi quando scoprono cosa succede davvero a chi lascia la casa per essere “adottato”, e cosa nasconde il muro che delimita il bosco: ai ragazzi non rimane che ingegnarsi per cercare la fuga. Inizia un letale gioco del gatto con il topo!

The Promised Neverland è scritto da Kaiu Shirai e disegnato da Posuka Demizu sulle pagine della rivista settimanale di Weekly Shonen Jump, dal 1° agosto 2016. Il manga attualmente è giunto al capitolo numero 99 con 10 volumi pubblicati.

Il 4 giugno 2018 è stata pubblicata in Giappone e nei negozi online la prima light novel ispirata al manga. La storia è focalizzata sul coprotagonista Norman il quale, nel giorno della sua spedizione, racconterà i suoi ricordi vissuti con Emma e gli altri bambini dell’orfanotrofio Grace Field House attraverso una lettera a loro indirizzata. Il romanzo è scritto da Nanao.

La prima serie animata di The Promised Neverland debutterà a gennaio 2019 con la produzione di CloverWorks.

In Italia l’opera è edita da J-POP con i primi 4 volumi disponibili.

Fonte: FI

1 commento

  1. tempo addietro avevo detto meno di 20 volumi ma per come si sta mettendo l’opera mi pare troppo difficile, più di 20 volumi possibile, più di 30 presto per dirlo.

COMMENTA IL POST