La cover e il video di Topolino 3000, parla Andrea Freccero

Pubblicato il 21 Maggio 2013 alle 16:30

L’illustratore Disney condivide sul web le proprie impressioni per il prestigioso compito che gli è stato affidato.

Topolino fa tremila. Il volume da collezione in edicola da mercoledì 22 maggio si presenterà con la copertina firmata da Andrea Freccero. Riportiamo di seguito le impressioni che il fumettista ligure ha lasciato alle pagine virtuali del proprio blog.

«La cover 3000 era, nella mia testa, disegnata da Giorgio Cavazzano o Massimo De Vita, insomma, da uno dei grandissimi di sempre.

Potrei citare almeno un’altra decina di nomi. E così credo fosse nella testa di tutti» esordisce Freccero, per sottolineare la sorpresa che la decisione di affidare proprio a lui la cover del prestigiosissimo numero gli ha destato.

«Quando mi comunicarono dalla redazione di realizzare un paio di proposte quasi non ci potevo credere. Ho iniziato a lavorare per Topolino che avevo vent’anni, iniziai a leggerlo che ne avevo cinque, potete immaginare benissimo cosa rappresenti per me».

Freccero non manca di sottolineare le responsabilità derivanti dall’investitura: «Dovevo disegnare il vestito per la festa, un onore enorme, ma anche una grande responsabilità. Sicuramente avrei frustrato qualcuno e soddisfatto qualcun altro, ma questo è inevitabile, se non hai la medaglia di “mostro sacro” puntata sul petto».


«In principio – ricorda l’autore Disney – discutendo con Vito Notarnicola, decidemmo di proporre un concept abbastanza “azzardato”, ma l’idea non passò. Le direttive erano molto precise, mi limitai quindi ad eseguire il concept al meglio delle mie possibilità».

«Il tema era molto “delicato”, considerando lo spazio disponibile e la dimensione delle figure si rendeva necessario il gioco della torre. Alla fine delle scelte andavano fatte, e ognuna di queste è stata presa per un motivo preciso».

In conclusione una speranza e una metafora calcistica: «Spero che per ogni lettore un po’ deluso possa scoprirne un paio felici, anzi, magari quattro o cinque.

Ho combattuto una piccola battaglia, non da fuoriclasse medagliato, ma da mediano generoso, quelli di una volta che ora non si vedono più.

Correndo sgobbando e bagnando parecchio la maglia».

Articoli Correlati

Mediante il suo profilo Twitter, Manga Mogura Re ha condiviso un’immagine riscuoterà sicuramente il consenso di diversi...

07/12/2021 •

07:30

Grande notizia per tutti i fan di Ascendance of a Bookworm. La terza stagione dell’anime basate sulle vicende della light...

07/12/2021 •

07:15

Il manga di Tomohiro Yokomaku e Taishi Mori Radiation House godrà di una trasposizione cinematografica live action la cui...

07/12/2021 •

07:00