Cliff dal Comic-Con, seconda puntata: Hollywood invasion

3

Questi americani esagerano sempre. Hanno gli stessi visitatori di Lucca, al Comic-Con, e dieci volte più spazio. Eppure allo stand Mattel regalavano stick di deodorante. “Boschi di Eternia”, si chiama, e speriamo che chi l’ha ricevuto lo usi, perché tempo sabato ce ne sarà davvero bisogno.

Il nostro amico John Layman ha annunciato che il regista della prima stagione di 24, Stephen Hopkins, sta sviluppando la serie TV di Chew, un fumetto tra i più discussi e amati dal pubblico di quest’anno. Perfino il sito di Threadless ha iniziato un contest per design di magliette a tema fumetti; la maglietta vincitrice apparirà addosso a un personaggio in un futuro numero di Chew.

I produttori di parrucche viola si stanno arricchendo rapidamente, qui a San Diego: i due cosplay più ricorrenti sono Hit Girl, la bambina assassina del film Kick Ass e Ramona Flowers, la ragazza di cui è innamorato Scott Pilgrim, eroe dell’omonima serie. Entrambe hanno un caschetto di capelli viola che, purtroppo, si presta ad aberrazioni che abbiamo visto oggi in giro per la fiera: Hit Girl obesa e Ramona Flowers maschio. Sigh!

Cinema e televisione la fanno da padrone, e non sarebbe una cosa triste, se gli stand hollywoodiani non avessero costretto la storica artist alley, la zona dove i disegnatori incontrano il pubblico, in un cantuccio nascosto e sempre più striminzito.

Fatto sta che oggi i tre eventi più visitati sono stati il panel di Scott Pilgrim, il film, con ben seimila presenze di pubblico, nella mastodontica Hall H. La star del film, il giovane Michael Cera, è stato preso letteralmente d’assalto dai fan.

È successo anche a Jason Schwartzman, protagonista della serie TV Bored to Death, confermata per una seconda stagione e con un’anima spiccatamente a fumetti, dato che il personaggio interpretato da Zach Galifianakis è un fumettista, cui l’autore americano Dean Haspiel (L’Alcolista) presta le matite negli episodi della serie.

La sera, mentre i fan defluivano verso gli alberghi a nord della città con i loro immensi sacchi della Mattel e della Hasbro in mano (i produttori di giocattoli hanno file che fanno il giro degli stand per accaparrarsi i prodotti in esclusiva per il Comic-Con: agli americani piace da morire fare la fila, è terrificante vederli!) e – in un parcheggio trasformato in drive-in vintage, con tanto di auto d’epoca e fugroncino che regalava tacos- Robert Rodriguez presentava, proiettandone ampi stralci sulla parete di un palazzo, il nuovo film Machete, noi ce ne andavamo zampettando alla festa di Threadless.

Che c’entrano le magliette con i fumetti? Più di quanto crediate, dato che un quartetto di autori d’eccezione (Jill Thompson, Cliff Chiang, Tony Moore e Art Baltazar) ha illustrato un poker di magliette che, messe una accanto all’altra, illustrano una storia scritta dalla stessa Jill Thompson e che si intitola Ogni notte faccio lo stesso sogno. Ora dobbiamo solo capire come si fa a indossare quattro magliette contemporaneamente!

Domani c’è la premiazione degli Eisner, una cerimonia di una noia mortale cui mi toccherà andare con la cravatta al collare. Lo faccio solo per voi, per raccontarvi cosa succede davvero, oltre alle semplici liste dei vincitori! Arf!

Cliff.

Oggi, sulla pagina di BAO Publishing, www.facebook.com/baopublishing, potreste essere estratti per ricevere… la maschera di Starro il Conquistatore! Diventate fan di Cliff!

telegra_promo_mangaforever_2

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui