Uno dei più famosi racconti di Howard Phillips Lovecraft adattato a fumetti da I.N.J. Culbard è da poco stato diffuso nelle fumetterie da Magic Press Edizioni. Continua, dunque, la serie dedicata allo scrittore statunitense, questa volta con “Le montagne della follia”, ultima pubblicazione della casa editrice romana.

Il volume, 128 pagine a colori, racconta di una spedizione al Polo Sud in cui 16 esploratori, dopo varie interessanti scoperte geologico-scientifiche, ne fanno una di ben altra natura.

Siamo nel 1930 e gli esploratori scoprono una caverna che contiene diversi esseri mostruosi congelati da milioni di anni e in perfetto stato di conservazione. Si ipotizza che siano anfibi, ai quali si dà il nome di “Antichi”. Il ritrovamento illumina in maniera incomprensibile il passato, rendendo difficile immaginare il futuro.

Tra epopea eroica delle esplorazioni polari e fantascienza horror, il volume pubblicato da Magic Press ripropone una storia scritta nel 1936, ad un anno dalla morte dell’autore, nella quale l’ossessione per i temi della follia, della colpa, della futilità dell’esistenza che accompagnò H.P. Lovecraft per tutto il corso della sua produzione giunge al culmine.

Ispiratore di artisti del calibro di Robert Howard, Stephen King, Alan Moore, John Carpenter e Guillermo del Toro, il visionario di Providence vanta anche diverse riduzioni in fumetti delle proprie opere.

Tra gli autori che hanno lavorato sui suoi lavori, il disegnatore e sceneggiatore I.N.J. Culbard, che ha firmato appunto “Le montagne della follia”. Autore anche di film di animazione, corti e spot televisivi, Culbard ha pubblicato i propri lavori su New Recruits, Dark Horse Presents, Judge Dredd Megazine e 2000 AD.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui