Il fumettista e consulente creativo dei film Marvel per la Fox è stato intervistato da SFX.

Millar ha parlato di X-Men – Giorni di un Futuro Passato, sequel di X-Men – L’Inizio: “Simon Kinberg e Matthew Vaughn hanno lavorato insieme sullo script e sono grandiosi in quello che fanno. Poi è arrivato Bryan Singer e, ovviamente, lui è il Sig. X-Men e sa esattamente come far funzionare tutto. Guardate i primi due film degli X-Men: nonostante l’enorme numero di personaggi è riuscito a metterli insieme molto bene. Il terzo film era troppo affollato ma Singer è eccellente nel lavorare con un cast numeroso.”

A proposito delle Sentinelle: “Saranno una presenza importante nella storia. Saranno fantastiche e saranno presenti in tutti i teaser. Le aspettiamo fin da quando ne abbiamo vista una in X-Men 3.

Su Kitty Pryde: “Non posso dire molto ma i fans di Kitty Pryde non saranno delusi.”

Su Kick-Ass 3: “Sarà l’ultimo. L’ho detto alla Universal e loro mi hanno chiesto: ‘Cosa significa?’ Ho risposto: ‘Significa che la storia finisce qui.’ E loro: ‘Muoiono tutti alla fine?’ Ed io: ‘Forse.’ Perché è una storia realistica di supereroi. E se non hai un costume a prova di proiettili come Superman o i miliardi di Batman, allora probabilmente girerai l’angolo sbagliato e verrai malmenato o ti spareranno in faccia. Kick-Ass deve rispecchiare questo. Dev’esserci qualcosa di drammatico alla fine. Il protagonista non può fare questo per il resto della sua vita.”

Su Dredd: “Alex Garland è un grande fan di Dredd e c’era un piano per realizzare una trilogia. Il film, sì, mi è piaciuto molto. L’ho visto quando è uscito in Inghilterra e sapevo che non avrebbe avuto successo in USA ma avrebbe avuto un suo pubblico con l’uscita in DVD, e così è stato. Non è costato neanche troppo. Credo sia costato 30 milioni. Quindi, se ne incassa 60 con il DVD va molto bene. Spero che vedremo un sequel. So che quelli che hanno realizzato il film sono davvero appassionati. Mi sono piaciuti Olivia Thirlby e Karl Urban. L’unica cosa che mi ha deluso è stata la regia, un po’ troppo televisiva, e Lena Headey non era così cattiva. Ma è stato comunque bello e meritava un maggior successo.”

Su Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno: “Ci sono opinioni differenti sul film. E’ interessante che il film sia uscito subito dopo il crash finanziario e avevi tutti questi disoccupati nel mondo occidentale. Pensavo che fosse difficile fare un film su un eroe milionario che vive in una villa gigantesca e picchia la povera gente tutte le notti. Bruce Wayne è il tizio che licenzia la gente, non è proprio uno di noi. Ma hanno affrontato la situazione nel film. E’ stato molto tempista: è la storia di due città e credo fosse dalla parte dei poveri. Rastrellano le ville, gettano la gente in strada e anche Bruce Wayne rinuncia alla sua fortuna. Bane è un grande villain. L’unica cosa che mi ha deluso un po’ è stata l’action: Nolan dovrebbe andare nel carcere dei registi per quel finale tra Bane e Catwoman. Ma il resto del film era così geniale che si può perdonare. Mi è piaciuto più di The Avengers.”

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui