Anna di Ammaniti su Sky: “La pandemia della serie non è quella che stiamo vivendo”

Pubblicato il 15 Aprile 2021 alle 19:30

Durante la presentazione stampa di Anna, la seconda serie di Niccolò Ammaniti per Sky dopo Il Miracolo, questa volta tratta da un suo stesso romanzo da lui adattato per il piccolo schermo e per il quale si è cimentato per la prima volta anche alla regia di tutti gli episodi.

Alla conferenza stampa erano presenti: i produttori/programmatori Nicola Maccanico, Executive Vice President Programming Sky Italia e Mario Gianani, CEO di Wildside, società del gruppo Fremantle, l’autore e regista Niccolò Ammaniti insieme alla co-sceneggiatrice Francesca Manieri e il giovane cast: Giulia Dragotto, Alessandro Pecorella, Giovanni Mavilla e Clara Tramontano affiancati dalle adulte Elena Lietti e Roberta Mattei.

I resti di una Sicilia post apocalittica, riconquistata dalla natura e senza più adulti, fanno da sfondo al viaggio verso un nuovo mondo al centro di Anna, tratta dal romanzo omonimo edito da Einaudi dello scrittore Premio Strega, che aveva iniziato a lavorarci addirittura prima del Miracolo ma poi ha potuto realizzarla solo dopo, ampliando alcuni personaggi non approfonditi nel romanzo e andando verso una strada narrativa diversa.

Anna – la messa in onda dal 23 aprile

A proposito della messa in onda di Anna, Maccanico e Gianani, così come Ammaniti e la Miniero, hanno tenuto a precisare che, sebbene anche la serie parli di una pandemia, non è la nostra. Un disclaimer all’inizio degli episodi ricorda che il Covid è arrivato sei mesi dopo l’inizio delle riprese (ancora in corso in quel momento, come ha raccontato Ammaniti, che ha potuto così chiudersi in casa, ragionare sul da farsi e sviluppare la scrittura.

Anna di Ammaniti su Sky: “La pandemia della serie non è quella che stiamo vivendo"

Ma essendo tratta dal suo romanzo, viene da una storia precedentemente esistita: il virus della finzione è diverso da quello nella realtà, anche perché colpisce solamente i bambini che, non appena diventano adulti (ad esempio le ragazzine con il ciclo) sanno che andranno incontro a morte certa. Si tratta di una influenza che colpisce prima di tutto la pelle, “dermatologica” come l’ha definita Ammaniti, che ha studiato biologia in passato e lo aveva dimostrato anche nel Miracolo.

Produttori e distributori non hanno quindi mai pensato di rimandare la messa in onda della serie, come ci hanno raccontato rispondendo alla domanda dedicata, “per sensibilità nei confronti del pubblico”, poiché la storia raccontata è ben diversa da quella che stiamo vivendo e può essere anzi uno “sfogo liberatorio di fantasia”, ed è anzi importante far passare il giusto messaggio sulla trama e le caratteristiche della serie.

La serie sarà inoltre – prima volta per uno Sky Original – disponibile interamente con i suoi sei episodi dal 23 aprile su Sky On Demand e in streaming su NOW. Questo perché, come hanno raccontato Ammanniti e Miniero, chiede il binge watching perché appassiona e per essere compresa appieno.

Anna è il distopico racconto di un mondo distrutto: una fiaba per adulti che narra l’incredibile viaggio che la giovanissima protagonista dovrà intraprendere fra le rovine della civiltà che fu, “il prima”, in cerca di un futuro possibile per sé e per il fratellino.

L’esordiente Giulia Dragotto (14 anni, palermitana, scelta fra oltre 2000 candidate) è Anna, tenace e coraggiosa, che parte alla ricerca del fratellino rapito, Astor – interpretato da Alessandro Pecorella (9 anni, anche lui alla sua prima apparizione in tv).

Fra campi arsi e boschi misteriosi, ruderi di centri commerciali e città abbandonate, fra i grandi spazi deserti di un’isola ormai senza più leggi o istituzioni e selvagge comunità di sopravvissuti, Anna ha come guida il quaderno che le ha lasciato la mamma (interpretata da Elena Lietti, già vista nel Miracolo) con le istruzioni per farcela, Il Libro delle cose importanti. E giorno dopo giorno scopre che le regole del passato non valgono più, dovrà inventarne di nuove. Nel cast anche gli esordienti Clara Tramontano e Giovanni Mavilla, nei panni della perfida Angelica e di Pietro, ragazzino di cui Anna si innamorerà, e Roberta Mattei che nella serie sarà “La Picciridduna” (l’unica adulta inspiegabilmente sopravvissuta della serie e del mondo distopico post apocalittico raccontato).

Il synth-pop degli Alphaville, il rock psichedelico dei Mercury Rev, ma anche la musica italiana più iconica con Loredana Bertè, Mia Martini, Ornella Vanoni. E ancora Frank Sinatra, fino alle suggestioni tribali della partitura musicale originale, firmata Rauelsson: la colonna sonora di Anna promette di stupire già a partire dalle note che accompagneranno le evocative immagini della sigla, quelle di “Settembre” di Cristina Donà, dal disco “La quinta stagione” del 2007.

Anna – la trama

Quattro anni dopo La Rossa, un virus che ha sterminato tutti gli adulti, il mondo è abitato solo da branchi di bambini selvaggi. In Sicilia Anna vive con il fratellino Astor al Podere del Gelso. Un giorno esce per cercare da mangiare e quando torna Astor non c’è più.

Per ritrovarlo inizia un viaggio avventuroso tra i resti del mondo. Si scontrerà con i Blu, una comunità comandata da Angelica, la perfida regina che tiene con sé La Picciridduna, un adulto sopravvissuto, che pare abbia il potere di salvarti da La Rossa. Anna riuscirà a fuggire dalla villa di Angelica e a intraprendere un viaggio nella natura selvaggia verso il continente con il fratellino, nella speranza di trovare una cura per sé e per l’umanità.

La serie è prodotta da Mario Gianani e Lorenzo Mieli con Lorenzo Gangarossa per Wildside, società del gruppo Fremantle (che è il distributore internazionale), in coproduzione con ARTE France, The New Life Company e Kwaï.

Acquistate il romanzo da cui è tratto Anna!!

Articoli Correlati

Nel 2019 è stato annunciato che Marvel Television avrebbe collaborato con Hulu per produrre quattro serie...

26/10/2021 •

11:00

Le uscite Planet Manga del 28 Ottobre 2021 vedono la conclusione de L’Attacco dei Giganti e il debutto di Dai Dark,...

26/10/2021 •

09:17

Il mondo dei manga piange la scomparsa dei fratelli Sanpei Shirato e Tetsuji Okamoto, autori della saga di Ninja Kamui. Il...

26/10/2021 •

08:39