Jujutsu Kaisen 144 ha scosso ancora una volta i fan con un aggiornamento sullo stato di Nobara Kugisaki. La serie manga originale di Gege Akutami si sta preparando a lanciarsi in un nuovo e intenso arco narrativo, ma prima che possa farlo deve risolvere alcune faccende ancora in sospeso dopo l’incidente di Shibuya.

Molti fan sono ancora preoccupati per Nobara Kugisaki, considerando che era in un posto terribile l’ultima volta che l’abbiamo vista nella serie.

Jujutsu Kaisen 144 – coma sta Nobara?

ATTENZIONE, PERICOLO SPOILER! Seguono spoiler su Jujutsu Kaisen 144.

Jujutsu Kaisen 144 riprende subito dopo il cliffhanger in cui Megumi chiede aiuto a Yuji Itadori per ilCulling Game di Noritoshi Kamo. Yuji accetta di farlo e lui e Megumi capiscono come procedere, ma prima che possano fare qualcosa al riguardo Yuji aveva bisogno di chiarire una cosa: chiede direttamente a Megumi cosa è successo a Nobara, ed è qui che la faccenda inizia a prendere una brutta piega.

Megumi non risponde, ma ha uno sguardo angosciato. In quel momento, Yuji sembra aver capito e dice “Oh… ho capito. Ho capito!“. Sembra che Nobara sia davvero morta e Megumi non è riuscito a dirlo ad alta voce. Tuttavia, questa non è una conferma della sua morte. Come i fan del manga sanno bene giunti fino a questo punto, non è ufficiale fino a quando non viene mostrato esplicitamente, o se qualcuno conferma che un personaggio è morto.

Confrontate questao con le altre morti che avevamo visto durante l’incidente di Shibuya: ad esempio, non c’erano dubbi sui personaggi che avevamo perso come Kento Nanami. La morte di Nobara è stata intenzionalmente tenuta sul vago per ora, e anche se alla fine potrebbe essere davvero morta, quello attuale non è un aggiornamento che la dà effettivamente per morta, per cui c’è ancora speranza che possa invece essere ancora viva.

Acquistate Jujutsu Kaisen. Sorcery Fight. Principio di ubbidienza (Vol. 7) QUI!

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui