dragon ball

Dragon Ball si è classificato ancora primo nella classifica delle IP (intellectual proprieties o proprietà intellettuali) di Bandai Namco, società giapponese specializzata nel settore dei videogiochi ma anche video, musica e altri prodotti di intrattenimento relativi alle sue proprietà intellettuali.

Dragon Ball – ancora nei primi posti nella classifica fiscale di Bandai Namco

La società ha recentemente pubblicato la sua analisi del terzo trimestre delle sue IP più redditizie.

Ovviamente, Dragon Ball è arrivato ancora una volta primo. Cosa abbastanza prevedibile, tutto sommato, tenendo conto che il franchise creato da Akira Toriyama ha saputo, diligentemente, reinventarsi anno dopo anno anche attraverso videogiochi e webseries mantenendo così alta l’attenzione su di sé, senza contare poi il merchandise che da sempre si rinnova, mantenendo così elevato l’interesse dei collezionisti.

Il franchise ha fatto guadagna alla Bandai Namco quasi 91 miliardi di yen dall’inizio dell’anno fiscale, numero tutt’ora in aumento man mano che l’anno prosegue. Nel 2020, Dragon Ball aveva guadagnato circa 88 miliardi di yen.

Attualmente, Bandai Namco si aspetta che Dragon Ball guadagni circa 110 miliardi di yen entro la fine di quest’anno fiscale, un prospetto leggermente minore rispetto al precedente anno fiscale che fece registrare il record di 135 miliardi.

Per quanto riguarda il resto delle proiezioni fiscali, Mobile Suit Gundam è ancora alto con una stima di 92,5 miliardi di yen, One Piece si posiziona subito dopo con 33 miliardi di yen mentre Kamen Rider è al quarto posto a 28,5 miliardi di yen.

Dragon Ball Super: manga e anime

Dragon Ball Super è una serie animata giapponese, prodotta da Toei Animation, trasmessa in Giappone su Fuji Television la quale si pone come seguito alla sconfitta di Majin Bu. La serie si è conclusa con l’episodio numero 131 e comprende i dieci anni seguenti fino alla fine di Dragon Ball Z, andando a posizionarsi dunque tra il 288º e il 289º episodio di quest’ultima.

Sequel diretto della serie è il film, il 20° del franchise, Dragon Ball Super: Broly uscito il 28 febbraio 2019 grazie ad Anime Factory.

L’edizione italiana dell’anime, acquisita da Mediaset e trasmessa su Italia 1, ha avuto inizio il 23 dicembre 2016 ed è stata completata con l’ultimo episodio andato in onda il 29 settembre 2019.

La versione manga è realizzata a cadenza mensile, ideata e sceneggiato da Akira Toriyama e disegnata da Toyotaro. Il manga è serializzato su V-Jump (Shueisha) dal 20 giugno 2015 ed è attualmente giunto al capitolo 68, con i primi 64 scritti raccolti in 14 volumi. Il manga sta in questo momento affrontando l’arco narrativo inedito di “Granola, il Sopravvissuto”.

L’edizione italiana del manga è affidata a Star Comics con i primi 12 volumi già disponibili.

Dai un’occhiata a questa action figure di Dragon Ball Super

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui