La leggenda del serpente bianco – Il cult che ispirò Miyazaki

Pubblicato il 3 Gennaio 2021 alle 19:00

Hayao Miyazaki probabilmente non sarebbe diventato la leggenda dell’animazione che è oggi, se non fosse stato per il suo grande amore per un film di animazione che lo colpì moltissimo.

La leggenda del serpente bianco è basato sul racconto popolare cinese omonimo della dinastia Song. Nel film, si parla di un giovane di nome Xu Xian che,  aveva un serpente bianco da compagnia quando era più giovane, ma i suoi genitori decisero di darlo via. Durante una notte tempestosa, il serpente bianco si trasformò in una bellissima giovane donna di nome Bai-Niang. Xu Xian e Bai-Niang si riunirono quando Bai-Niang rispose alla canzone di Xu Xian; in seguito, i due divennero amanti. Purtroppo, però, vennero nuovamente separati dopo che il monaco locale, Fa-Hai, accusò Xu Xian di aver rubato gioielli. Fa-Hai aveva accusato Xu Xian perché voleva proteggerlo da Bai-Niang, che pensava fosse uno spirito malvagio. Xu Xian venne quindi condannato all’esilio e ai lavori forzati. Con l’aiuto degli amici di Xu Xian e dell’ancella di Bai-Niang, Xiaoqing, i due furono  in grado di riunirsi ancora una volta solo dopo che Bai-Niang ebbe rinunciato ai suoi poteri magici e all’immortalità per salvare la vita di Xu Xian.

Miyazaki

Il film è stato presentato in anteprima in Giappone il 22 ottobre 1958 ed è stato il primo lungometraggio animato a colori. Lo stile occidentale della narrazione deriva dall’ispirazione ai film Disney: una fiaba classica in un musical per famiglie, con un bel principe che salvava la principessa “damigella in pericolo” e amichevoli animali parlanti come aiutanti. Imitando la formula Disney, Toei Animation sperava di diventare la “Disney dell’Est”.

Il film è stato un’opportunità per lo studio giapponese di mostrare la cultura dell’Asia orientale mentre si rivolgeva al pubblico occidentale, cercando di combattere il sentimento anti-giapponese che persisteva dopo la seconda guerra mondiale. Nel 1961, La leggenda del serpente bianco, il primo film anime uscito in America, introduce gli occidentali all’animazione asiatica. A quel tempo, il film non fu ben accolto dal pubblico americano, ma fu premiato alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia del 1959 con il Diploma speciale per i film a soggetto per i ragazzi da 13 a 18 anni.

Prima di iniziare la sua carriera di animatore, Miyazaki ha studiato politica ed economia alla Gakushuin University, ma ha poi deciso di non intraprendere una carriera in politica. Tuttavia, il suo interesse per l’arte e la letteratura non ha mai vacillato, ed è entrato a far parte di una società di ricerca letteraria per bambini durante il suo periodo all’università. Nel 1963, Miyazaki è stato assunto dalla Toei Animation, lo studio di animazione che ha prodotto La leggenda del serpente bianco, un film che il celebre regista ha visto quando aveva 17 anni e che lo ha fatto innamorare dell’animazione.

Miyazaki e l’amore per La leggenda del serpente bianco

Durante la visione del film, Miyazaki si è innamorato del personaggio di Bai-Niang. Hayao Miyazaki ricorda cosa provò quando Bai-Niang per la prima volta:

Mi sono innamorato dell’animazione per la prima volta quando ho visto La leggenda del serpente bianco. Ricordo ancora le fitte di emozione che ho provato alla vista del personaggio femminile, incredibilmente bello, giovane, Bai-Niang, e come risultato sono andato a vedere il film più e più volte”.

In La leggenda del serpente bianco, Bai-Niang e la sua collega ancella, Xiaoqing, sono caratterizzate come donne forti e indipendenti, il che è evidente quando Bai-Niang combatte Fa-Hai e nella sua volontà di sacrificare i suoi poteri per l’uomo che ama. La caratterizzazione di Bai-Niang ha ispirato molte protagoniste femminili nelle opere di Miyazaki come San del film La Principessa Mononoke e Sophie Hatter del Castello errante di Howl.

Acquistate La città incantata di Hayao Miyazaki QUI!

Articoli Correlati

Vita da Slime (Tensei shitara Slime Datta Ken) ha visto concludersi la seconda stagione della trasposizione anime con...

22/09/2021 •

08:05

Saint Seiya – I Cavalieri dello Zodiaco, l’epica saga di Masami Kurumada, diventerà un film live action di cui vi...

22/09/2021 •

07:27

Death Note ha goduto di un controverso film live action di Netflix, ma nonostante le critiche dei fan darà origine a un sequel....

21/09/2021 •

21:00