Anche la serie principale di Wonder Woman verrà travolta dalla nuova energia data dall’evento Future State al mondo DC. Come annunciato durante il panel al CCXP brasiliano infatti, il team di sceneggiatori di Future State: Immortal Wonder Woman composto da Becky Cloonan e Michael W. Conrad tornerà di nuovo insieme a marzo, per il numero #770 della serie.

Wonder Woman

Commentando, Cloonan ha sottolineato come dopo gli eventi di Dark Nights: Death Metal  la serie sarà ricca di azione ma permetterà anche a Wonder Woman di “divertirsi”. Wonder Woman tornerà insieme Justice League Dark, così come James Tynion IV e Jorge Jimenez continueranno il lavoro sulla serie principale di Batman.

Tra i nuovi arrivi di marzo troviamo invece, come annunciato da DC, Swamp Thing, Suicide Squad, Teen Titans Academy, Green Lantern.

Wonder Woman 1984, le info sul film

Prima del ritorno della serie fumettistica, avremo modo di vedere il secondo capitolo della saga cinematografica dedicata all’eroina. Questa la sinossi del film:

Un rapido salto negli anni ’80 nella nuova avventura per il grande schermo di Wonder Woman, dove dovrà affrontare due nemici completamente nuovi: Max Lord e The Cheetah. Con il ritorno di Patty Jenkins alla regia e di Gal Gadot nel ruolo principale, “Wonder Woman 1984” è il seguito della Warner Bros. Pictures del primo film campione d’incassi sulla supereroina DC, “Wonder Woman” del 2017, che ha incassato 822 milioni di dollari a livello mondiale.  Nel film recitano anche Chris Pine nel ruolo di Steve Trevor, Kristen Wiig nel ruolo di The Cheetah, Pedro Pascal in quello di Max Lord, Robin Wright nei panni di Antiope e Connie Nielsen nei panni di Hippolyta.

Wonder Woman 1984 manterrà la continuity di Diana iniziata con Batman v Superman: Dawn of Justice e non sarà un vero e proprio sequel. Questi i commenti a riguardo due protagoniste Gal Gadot e Kristen Wiig. Così la Gadot:

Non riprendiamo la storia dove l’abbiamo lasciata l’ultima volta, perché era ambientata 66 anni fa. Quindi troviamo Diana che vive da circa sessant’anni da sola, nel mondo degli uomini, al servizio dell’umanità e facendo del bene. Questa storia è pienamente una storia a sé stante. Insomma, l’unica cosa che condividono entrambe le storie è il rapporto tra Diane e Steve Trevor. Ma a parte questo, è un mondo completamente nuovo, l’era è diversa, Diana è diversa e la trama è nuova.

La Wiig ha aggiunto:

Spesso, coi sequel si vuole enfatizzare il collegamento col primo film o portare avanti delle questioni rimaste in sospeso. Per questo Wonder Woman 1984 non può essere considerato un sequel.

Ricordiamo che si sta lavorando anche ad uno spin-off, che potrebbe quindi non soltanto esplorare il distacco tra l’eroina e la sua terra natale, ma anche collegarsi direttamente al terzo film, andando quindi ad arricchire a 360° il piccolo universo legato a Diana (stando a delle dichiarazioni della Jenkins).

Al momento però, come confermato dalla Jenkins  stessa, il progetto è in attesa di approvazione; ciò che è certo è la presenza di Themyscira nel prossimo Wonder Woman 1984, anche se solamente con dei flashback incentrati su Diana.

Ricordiamo che la nuova uscita della seconda pellicola della sala è stata recentemente fissata, per il nostro paese, al prossimo 28 gennaio 2021, mentre arriverà negli USA in streaming su HBO Max il prossimo Natale.

Acquista il Blu-Ray di Wonder Woman

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui