Sylvester Stallone farà parte di The Suicide Squad, nuovo film della Squadra Suicida diretto da James Gunn. A confermare i rum trapelati in precedenza lo stesso attore, con un messaggio su instagram; non è chiaro comunque quale sia l’entità del suo ruolo in The Suicide Squad, che potrebbe limitarsi dunque anche ad un semplice cammeo.

https://www.instagram.com/p/CHlVfoypWmF/?utm_source=ig_web_copy_link

Sly ha già collaborato con James Gunn per Guardiani della Galassia vol.2, nel quale ha interpretato Stakar Ogord, un importante e rispettato Ravager e vecchio compagno di squadra di Yondu

The Suicide Squad: il film

Come confermato in precedenza dal produttore Peter Safran, della trama di The Suicide Squad faranno parte anche i nazisti. Nel film infatti, la squadra si dirigerà a Corto Maltese dove dovranno, a quanto pare, recuperare qualcosa da un’ex prigione tedesca.

Il nome della prigione è Jotunheim, che nei fumetti si trova invece nel paese immaginario mediorientale Qurac. Queste le parole di Safran:

Là devono distruggere una prigione e un laboratorio dell’era nazista di nome Jotunheim, nel quale venivano detenuti prigionieri politici e si svolgevano esperimenti.

Ulteriori commenti sulla pellicola, nonché anche sulla precedente di David Ayer, li ha fatti anche James Gunn alla rivista Empire:

È un film a parte, non credo contraddica l’altro Suicide Squad. Forse potrebbe in piccoli modi, non saprei. I Guardiani sono tutti buoni, tranne Nebula che è un caso anomalo. In The Suicide Squad, ci sono personaggi buoni e personaggi cattivi, non si limitano a litigare e a minacciarsi di uccidersi a vicenda, sono proprio in conflitto l’uno con l’altro e tentano di uccidersi a vicenda. Non si sa mai chi riuscirà a sopravvivere e chi no, la DC mi ha dato piena libertà di uccidere chiunque. Il film di David (Ayer) non è stato distribuito come lui voleva, ha avuto molte difficoltà, ma nonostante questo ha fatto un ottimo lavoro, ha scelto attori magnifici e ha lavorato con loro senza paura, caratterizzando in maniera profonda i loro personaggi. Per questo merita di essere lodato, la sua esperienza è stata sicuramente un valore aggiunto per questo film.

the suicide squad

Il film, come sappiamo, non sarà un sequel ma un reboot, come affermato tempo fa dal produttore Peter Safran:

Non lo chiamiamo Suicide Squad 2 perché è un reboot totale, è The Suicide Squad e penso che le persone dovrebbero essere estremamente entusiaste del progetto. C’è tutto quello che ti aspetti da una sceneggiatura di James Gunn e penso che questo dica molto e alzi le aspettative e sono sicuro che verrà apprezzato.

Al DC Fandome invece, Gunn ha rivelato di avere qualcos’altro di molto importante per i fan dei fumetti.

Questa è una domanda incredibile, cui sono entusiasta di rispondere perché, in realtà, ho avuto una lunga conversazione con John Ostrander su questo. Perché è venuto e ha visitato il set. E ho detto: “Non penso a questo film tanto come un adattamento dei tuoi fumetti, penso a questo film come un sequel dei tuoi fumetti, della tua run nei fumetti”. Cosa ci farebbe John Ostrander con questi personaggi se fossero passati trent’anni dal suo primo inizio? E quindi penso che abbia lo spirito e la linfa vitale dei fumetti di Ostrander.

Il regista ha inoltre sottolineato come la presenza di Harley Quinn non sia accessoria né tanto meno obbligata da Warner Bros..

In attesa di vederlo in azione in The Suicide Squad, acquista il box coi migliori film di Sylvester Stallone

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui